Academy So Wine So Food: antipasti e piccoli sfizi

Wine Listening, l’app per ascoltare il vino
13/03/2019
Michelin 2019, la terza edizione della guida croata
14/03/2019

La cucina del Ristorante 1978 apre le porte alla prima lezione di Marzo: tema la cucina, docente lo chef Eros Bruno

La prima lezione di Marzo dell’Academy di So Wine So Food ha avuto come tema portante gli antipasti e i piccoli sfizi. Location immutata: il ristorante 1978 che ha accolto gli studenti per una giornata interamente dedicata alla formazione nel mondo della ristorazione. Chef Eros Bruno, come sempre, con la sua professionalità e simpatia, è stato pronto a condividere i suoi “segreti” questa volta per quanto riguarda il mondo degli antipasti, portata diventata così importante che a volte essendo abbondante si può anche mangiare come piatto unico.

Poche chiacchiere, la lezione si è tenuta quasi interamente in cucina, non prima però di essersi messi grembiule e cappello. Come veri chef si inizia la divisione dei compiti: ognuno ha la sua postazione con il suo tagliere pronto per sminuzzare verdure, funghi, asparagi o per pulire i gamberi. Tutti ingredienti che chef Eros Bruno ha pensato per un ricco buffet di antipasti. Un piatto che ha colpito molto gli studenti è stato l’uovo marinato: cucinato con una particolare tecnica senza l’utilizzo del calore. Basta fare una miscela di zucchero e sale in quantità uguale, distribuire metà della miscela di zucchero e sale in una ciotola.

Adagiare solo il tuorlo al centro e ricoprirlo interamente dalla miscela preparata. Gli altri piatti sono stati: gamberi scottati all’arancia, un finocchio accompagnato da una maionese alla barbabietola, una caprese con una mousse al pomodoro e pesto home made, insalata di pollo con crema al tartufo e spinacino ed infine una panzanella rivisitata con funghi e porri.

Una volta terminate le preparazioni si passa all’assaggio. Immaginate le espressioni di sorpresa: è incredibile come con pochi e semplici ingredienti, si possa realizzare un buffet di antipasti da lasciare senza parole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *