Academy So Wine So Food, grande partecipazione e… sete di conoscenza!

Da cantante ad organizzatore dell’evento più importante della cucina italiana negli Emirati Arabi
07/11/2017
In nome di Johan Malm, head chef del ristorante Gabriel
08/11/2017

Alleniamo mente, vista, olfatto e palato grazie alla nostra scuola e alle lezioni della sommelier Sabrina De Feudis

 

So Wine So Food ha riaperto la sua cantina, mettendola a disposizione degli undici allievi dell’Academy, i quali hanno deciso di avvicinarsi a questo mondo affidandosi alla competenza e alla simpatia di Sabrina De Feudis.

Oltre alla notevole partecipazione in termini numerici, i ragazzi hanno mostrato una grande curiosità nei confronti dell’argomento trattato. “Il corso è iniziato alle 10.30 e si è concluso alle 17.00, e durante tutto il tempo sono rimasti concentratissimi – ha raccontato Sabrina – probabilmente è stata una delle classi migliori che ho avuto fin’ora”.

La struttura ormai consolidata del corso consiste in una parte teorica nella quale si parla della storia del vino, delle tecniche di vinificazione e dei vini più importanti delle regioni italiane ed una seconda parte in cui si degusta e si esercita la vista l’olfatto e il palato.

Un argomento in particolare ha focalizzato l’attenzione dei partecipanti: i vini rosati.

“Quando ne ho parlato hanno voluto subito saperne di più: solitamente si pensa siano un blend composto da rosso e bianco mischiati insieme. Dopo aver spiegato che non è affatto così hanno chiesto se potevano assaggiarne uno e li ho accontentati.”

Per l’occasione è stato aperto un rosato della Puglia che, come è stato raccontato, è una regione che ne produce e ne esporta molti, soprattutto in Francia dove i rosati questo territorio sono particolarmente apprezzati.

“La degustazione è andata bene, gli allievi si sono lanciati ed il risultato è stato soddisfacente. Il loro interesse crescente li ha portati a chiedere una seconda lezione per trattare tematiche più specifiche come i bianchi o i grandi rossi, per esempio.”

Così l’immancabile brindisi finale è stato accompagnato dalla promessa di un nuovo incontro, sempre all’insegna del buon bere.

 

 

Stefano Bellachioma

[widgetkit id=”495″]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *