Academy So Wine So Food, i particolari che fanno la differenza in uno stellato

Da Vittorio: cucina ottima ma accoglienza pessima. I fratelli Cerea possono dare certamente di più
16/01/2018
Faro Rome: un caffè come spunto di riflessione
18/01/2018

Allo Sheraton Hotel Parco de’ Medici il maitre Giacomo Scatolini ha tenuto una lezione sul servizio di sala all’interno di un ristorante di alto livello

 

Come si fa un buon servizio? Quali sono i segreti per deliziare i clienti di un ristorante non solo con la qualità del cibo, ma anche con l’attenzione e la cura dei dettagli? Per capire come riuscire a fare ristorazione di livello, partendo dalla cura del commensale, all’Academy di So Wine So Food è salito in cattedra il maitre Giacomo Scatolini, giovane ma esperto, con grande esperienza alle spalle.

Il miglior modo per apprendere un concetto è osservarlo attraverso esempi pratici. Proprio per questo il maitre Scatolini ha mostrato agli allievi come comportarsi all’interno di uno stellato, già dall’apertura della porta al cliente che si accinge ad entrare nel locale. Un gesto che può sembrare banale ma non lo è, perché rappresenta il biglietto da visita di un ristorante.

Ma il lavoro non si esaurisce in sala, poiché la comunicazione tra quest’ultima e la cucina è fondamentale. Perciò le comande devono essere scritte in modo chiaro per favorire chi sta dietro ai fornelli ed anche i colleghi, i quali sicuramente non hanno tempo di “decriptare” le ordinazioni che sono state prese.

Inoltre si è fatta una digressione sulla storia e le diverse tipologie di ristorazione, sempre più numerose e difficilmente classificabili perché in continua trasformazione.

Il concetto, di per sé, ha origini antiche: tutto nacque in Francia dopo la caduta della monarchia. I cuochi che lavoravano a corte persero il lavoro così si reinventarono e si misero al servizio della borghesia. La ristorazione non significa solo lavorazione del cibo, ma consiste anche in una serie di azioni connesse alla somministrazione di alimenti pronti per il consumo. Insomma ognuno può interpretare in modo diverso questo concetto, purché lo faccia nel rispetto e nella cura del cliente che deve servire!

 

Nulla va lasciato al caso

– Giacomo Scatolini –

 

Stefano Bellachioma

[widgetkit id=”571″]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *