La Cake Designer brasiliana Marcia Acacio alla nostra Academy

Le Jardin di Joel Robuchon: un lungo, infinito, noioso déja vu
13/10/2017
Impegno e organizzazione, la ricetta vincente di Alain Roux
18/10/2017

Una speciale giornata dedicata interamente al Cake Design, dove l’affluenza degli iscritti e la disponibilità dell’ambasciata brasiliana ci hanno regalato un surplus di informazioni ed emozioni

 

Invitata dalla Federazione Italiana Pasticceria per il campionato mondiale di pasticceria e Cake Design che si svolgerà a Milano il 23 e il 24 Ottobre, Marcia Acacio, che da oltre un anno è iscritta alla federazione, ma è anche presidente e fondatrice di Acadaa in Brasile (simile all’omologa Fip), è stata nostra ospite e insegnante al primo corso pilota di Cake Design.

L’affluenza, la curiosità e la voglia di imparare sono state i fattori clou di questa giornata, dove tra brasiliano e traduzione in italiano, i partecipanti sono riusciti a portarsi a casa una torta fatta con le loro mani e il nostro attestato di partecipazione. Tutto è partito da una breve introduzione delle tecniche e ingredienti base, rigorosamente ribaditi dalla sua aiutante e sorella Juscilene Acacio, che è stata anche l’interprete in questa giornata. Tutto il lavoro è stato fatto a step, e la spiegazione ha occupato l’inizio del nostro corso. Si è ribadito l’importanza della pasta da zucchero, detto anche “fondant” e i vari coloranti da usare. Sperperando anche alcuni suoi personali segreti, come la preferenza della pasta di zucchero e da modelling Saracino e il colorante a gel. Oltre naturalmente, agli innumerevoli trucchi del mestiere, fonte di meraviglia e stupore per i partecipanti. Piccole dimostrazioni di come fare le decorazioni, ma anche quanta pasta usare, rientrare nei giusti canoni pesando le quantità, o ancora , come colorare la pasta da zucchero usando i colori primari, sono stati solo alcuni dei passi fondamentali che ci hanno accompagnato in questa giornata. Molto interesse è stata percepito soprattutto dai partecipanti, letteralmente “incollati” al loro tavolo di lavoro. L’obbiettivo è sempre stato solo uno, concludere quello che si è cominciato.

Il consiglio di Marcia è quello di provare, credere, ma soprattutto attrarre verso di sé la “curiosità”, il fattore che a 11 anni l’ha avvicinata al mondo della pasticceria con il giusto nesso di casualità. Il nostro obbiettivo è proprio questo, avvicinare ad un mondo nuovo tutte quelle persone che fino ad ieri non sapevano di amarlo. Fateci sapere cosa ne pensate, ma soprattutto attenzione al vostro domani.

 

 

Dan Munteanu

[widgetkit id=”473″]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *