Le mille bollicine: Champagne, Franciacorta e Prosecco

FICO Eataly World: sei mesi dopo
05/06/2018
Asia Food Tech 2018: la più grande fiera cinese dedicata al Food & Beverage
07/06/2018

In questa nuova lezione dell’Academy si è approfondito il tema grazie alla nostra docente Laura Paone

 

Il programma di sommellerie fa un’altra tappa, invitando al suo appuntamento fisso tre grandi vini che tutti avranno assaggiato almeno una volta nella vita. In particolare i nostri partecipanti hanno avuto l’opportunità di imparare su queste tre grandi etichette: Il Prosecco Bernabei, il Franciacorta Contadi Castaldi ed infine lo Champagne Billecart-Salmon.

Il viaggio all’interno delle bollicine è cominciato con il nostrano Prosecco, partendo dalla sua storia, sue denominazioni, etichettatura e vari approfondimenti. La partecipazione era molta, tanto che la lezione con la nostra Sommelier e docente, Laura Paone si è trasformata in una vera e propria conversazione tra amici. Le domande e le curiosità si sono fatte via via sempre più specifiche: gli allievi erano soprattutto addetti del settore Food & Beverage. Niente di nuovo quindi. Il classico dell’Academy. “È risultata essere un’esperienza molto utile, non si finisce mai di imparare” ci dice Ivan, rimasto molto soddisfatto dalla lezione e dai consigli dati dalla nostra docente. Ma anche Valentina, la quale ci dice che “Se si ha un’attività e si vuole migliorare in piccoli sottigliezze che alla fine possono fare la differenza, la cosa migliore sarebbe aggiornarsi grazie a questi tipi di corsi”. La prova pratica invece ha avuto una novità, il servizio. Si è usato sia un semplice bicchiere da degustazione e allo stesso tempo sia un bicchiere flûte. Questo per far comprendere ai partecipanti l’importanza del servire i vari vini nel giusto bicchiere, constatando in tempo reale, che effettivamente le differenze ci sono, sia dal punto di vista olfattivo, che gustativo. In ultima battuta, prima di lasciarci alle spalle una grande giornata, fatta di storie e curiosità, la docente si è soffermata anche sulle varie bottiglie, constatando che una bottiglia più grande, ha maggior spazio e quindi favorisce l’ossigenazione, e quindi migliora la qualità. Come nel caso della bottiglia Magnum rispetto ad una classica bottiglia da 75cl. Con lo stesso nome, la stessa annata, la stessa etichetta si potrebbe avere un prodotto completamente diverso.

Questo per dire, che in realtà ogni bottiglia, di Champagne, Franciacorta e Prosecco è unica e può differire per qualsiasi piccola differenza rispetto alle altre. Ogni bottiglia racchiude con se o un grande sorso oppure una favola finita male. Una grande storia o un dramma. Noi però vogliamo essere ottimisti e ci beviamo su!

Appuntamento al 10 Luglio. I vini delle isole: Sicilia e Sardegna a confronto.

Dan Munteanu

 

[widgetkit id=”748″]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *