Per l’Academy So Wine So Food, l’Italia è rosa!

“Cocktails in the City”, a Londra il meglio della mixologist
10/04/2018
Casa Ramen Super ospita i ragazzi de La Locanda alla Mano: quando essere diversi è la normalità
12/04/2018

Allo Sheraton per il consueto appuntamento dell’Academy di So Wine So Food la sommelier Sabrina De Feudis ha fatto scoprire ai suoi allievi la bontà dei vini rosati

 

Il vino è un mondo. E come nel mondo reale ci sono posti bellissimi ancora poco conosciuti, anche nel settore vinicolo ci sono molte cose che vale la pensa conoscere. Infatti in questo appuntamento dell’Academy di So Wine So Food Sabrina De Feudis, dopo aver descritto regione per regione i principali vini d’Italia, ha fatto “scoprire” ai suoi allievi la bontà e l’unicità dei vini rosati.

Sebbene siano poco richiesti dal mercato, a causa del pregiudizio che molte persone hanno, sono interessanti e gradevoli al palato tanto quanto i bianchi e i rossi. Ed i ragazzi se ne sono resi conto.

Diana, ad esempio, è rimasta estasiata dopo l’assaggio del Susumaniello pugliese: “Non credevo fosse così buono, è stata una vera sorpresa. Ammetto di essermi emozionata, ma il buon vino è anche questo”.

Dopo le degustazioni e l’analisi organolettica è arrivata la parte più impegnativa, l’abbinamento con il cibo.

Ivan, un vulcano di idee, ha scelto un polpo in spuma di patate “per la sua sapidità”. L’argomento si è rivelato molto interessante e Sabrina, da brava insegnante, ha dispensato consigli e, a volte, anche qualche critica costruttiva.

Alla fine del corso il gruppo, sempre più affiatato e preparato sulla materia, ha fatto il consueto brindisi al buon vino e ci si è dati appuntamento al mese successivo per scoprire, degustare e, perché no, emozionarsi.

 

Stefano  Bellachioma

 

[widgetkit id=”680″]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *