Ricomincia l’Academy di So Wine So Food: “Che il buon vino sia con voi!”

Terme della Salvarola: wellness and elegance with wine-therapy
13/09/2017
Romantik Hotel Turm, vini conservati nella roccia e bagni alle vinacce ai piedi delle Dolomiti
15/09/2017

La sommelier Sabrina De Feudis ha tenuto la lezione di degustazione ed avvicinamento al vino alla quale hanno partecipato molti studenti

 

È metà settembre e insieme alle scuole ricomincia anche l’Academy di So Wine So Food.

Protagonista del corso è stato il vino, magistralmente raccontato dalla sommelier Sabrina De Feudis che con il suo entusiasmo ha coinvolto gli studenti che hanno dimostrato un grande interesse partecipando attivamente per tutta la durata della lezione.

 

Come ogni academy che si rispetti prima della degustazione c’è stata un’introduzione teorica a questo mondo fatto di sapori, colori e profumi. Si è partiti dalle origini storiche del vino, che affonda le radici nell’antichità, per poi passare ad aspetti più concreti come le fasi di produzione. Particolare interesse ha suscitato il metodo di produzione dello champagne e dello spumante che può avvenire attraverso la rifermentazione in bottiglia, con il metodo classico, oppure in autoclave, con il metodo Martinotti.

Fondamentale è stata la spiegazione sulla lettura dell’etichetta, la carta d’identità della bottiglia, indispensabile per essere consapevoli di ciò che si sta bevendo.

 

Dopo una disamina dei più importanti vini d’Italia, analizzati regione per regione, è avvenuta la degustazione vera e propria durante la quale i ragazzi hanno mostrato una notevole capacità nel riconoscere la complessità dei profumi all’interno del calice.

Un’esperienza che, oltre ad impegnare i partecipanti in un’analisi dell’aspetto visivo, olfattivo e gusto-olfattivo, gli ha permesso di esercitarsi nella corretta mescita del vino, un’operazione tutt’altro che semplice.

Non si è discusso solo delle proprietà organolettiche, ma anche dei giusti abbinamenti con il cibo, che avvengono attraverso concordanze e contrapposizioni di sapori.

Sabrina ha sottolineato che la maggiore conoscenza del prodotto comporta un consumo qualitativamente superiore di quest’ultimo. Insomma per dirla con parole sue: “Che il buon vino sia con voi”.

 

Stefano Bellachioma

[widgetkit id=”449″]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *