Birroforum: Il festival rock dedicato alla birra artigianale e allo Street food

“L’arte e la cucina non vanno mai di fretta”: confessioni di un semplice avventore
27/06/2017
Da Hell’s Kitchen alla nostra Academy, per insegnare ed ispirare
02/07/2017

Arriva nella Capitale il festival più amato dagli amanti della bevanda dorata e del cibo di strada

Tradizione, ingredienti scelti con cura e voglia di stupire. Anche i più scettici. Birròforum è arrivato a Roma e l’ha fatto dalla porta principale, quella che fino ad una settimana prima consentiva l’accesso al Vinòforum. Dal 15 al 18 giugno invece è andato in scena l’evento (forse un po’ meno elitario) dedicato alla scoperta di innumerevoli selezioni di birre provenienti da tutto il mondo. Dall’America al Belgio, dal Regno Unito all’Italia. Ma l’idea fondante della kermesse birraiola è stata quella di costruire una coltura nostrana volta alla riscoperta della bevanda più amata del mondo. Perché se per il vino gli Italiani hanno imparato a conoscerne tutti gli aspetti e le particolarità, quello della birra è un mondo sostanzialmente inesplorato. Ancora troppo legato all’idea di una bevanda commerciale da accompagnare a partite di calcio e patate fritte. Dalle Pale ale, passando per le Ipa e andando a finire con le “nostre” birre al limoncello, se si volesse definire questo festival con una parola, sarebbe certamente aggregazione. Non soltanto di miscele di malti ed orzi differenti, ma anche delle persone che hanno partecipato. La corposa affluenza però è derivata anche dallo Street Food, ora più che mai tendenza della Capitale. Tra arancini, supplì, e fritti misti (in forma gourmet), il pubblico romano ha potuto godersi una piacevole serata, a prezzi tutto sommato modici. Ad accompagnare il tutto, la musica che in un event come il Birròforum non poteva che essere Rock, come in fondo lo è stata questa tre giorni.

 

Jacopo Nicoletti

[widgetkit id=”394″]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *