Calici di Stelle 2018, un’estate italiana sotto il segno del vino

Giocare con il vino per conoscerlo
22/08/2018
Ristorante Cielo: la cucina stellata dello chef Andrea Cannalire
24/08/2018

La rassegna enologica più importante della stagione è tornata: sempre con il naso all’insù, tra un calice di vino e lo sguardo rivolto alle stelle cadenti

 

Immaginate una notte d’estate, una di quelle che magari avete appena trascorso.  Mare, collina o montagna non fa differenza, quello che conta è la giusta compagnia e un luogo dove ammirare le stelle cadenti in tranquillità. Chi può dire di non aver sognato ad occhi aperti in un’occasione come questa? E’ proprio da questa idea che da anni Calici di Stelle attira migliaia di appassionati. La magica atmosfera della settimana di San Lorenzo con le etichette migliori di ogni parte d’Italia, un binomio migliore detto in tutta sincerità, di questi tempi, non è poi così facile da trovare. L’evento, che pervade tutte le 20 regioni italiane nello stesso arco di tempo, è pensato per far conoscere a enoturisti, appassionati e visitatori la straordinarietà delle etichette locali e i vitigni autoctoni cui fanno riferimento. Per questa ventesima edizione il Bel Paese si è trasformato in un’immensa degustazione a cielo aperto che ha consentito un meraviglioso viaggio tra i tesori dell’enogastronomia più amata al mondo. Cultura, tradizioni e arte si sono intrecciate, dando vita ad una settimana organizzata dal Movimento del turismo del vino e dall’Associazione nazionale Città del Vino che ha promosso un abbinamento di due mondi, quello delle stelle e quello dell’enologia, apparentemente lontani ma in realtà davvero vicini. Calici di Stelle è inoltre considerato l’appuntamento estivo di maggiore importanza nel panorama dell’enoturismo nazionale grazie al quale si rafforza il messaggio del sempre più stretto rapporto tra vino e territorio, dalle cime delle Alpi tuttora imbiancate, fino ad arrivare ai mari limpidi e cristallini della Sicilia.

Jacopo Nicoletti

 

[widgetkit id=”1074″] 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *