Cibo Nostrum 2018: la grande festa della cucina italiana

Anthony Bourdain ci ha lasciato
08/06/2018
Coupe du Monde de la Pâtisserie: a Torino la Svezia vince la Coppa Europa 2018
11/06/2018

La cucina nostrana unita alla bellezza di un luogo unico al mondo. Questa l’equazione perfetta di Cibo Nostrum

Dal 20 al 22 maggio, nella splendida cornice dell’Etna, tra Zafferana Etnea e Taormina, si è tenuta la grande festa della cucina italiana “Cibo Nostrum”, organizzata dalla Federazione Italiana Cuochi in collaborazione con Charming Italian Chef, Conpait e Le Soste di Ulisse. Nasce dal desiderio di attribuire il giusto valore alle eccellenze agroalimentari italiane grazie alla serie di incontri e laboratori enogastronomici.

Tre giorni di festa, formazione e solidarietà e due location per gustare il meglio della produzione agroalimentare e vitivinicola nazionale. Giunta alla settima edizione, anche quest’anno il ricavato della giornata verrà devoluto dal Dipartimento Solidarietà Emergenze FIC, in parte alla Fondazione Limpe per la ricerca sul morbo di Parkinson e in parte al Moige in favore della campagna di  sensibilizzazione contro il cyberbullismo.

Grandi chef e professionisti del settore agroalimentare si sono riuniti per dare vita a questo grande evento per celebrare le varietà enogastronomiche nazionali, per unire il cibo al territorio e valorizzare le tradizioni legate alla nostra penisola.

All’interno di Cibo Nostrum si è tenuto il “Taormina Cooking Fest” durante il quale oltre 1000 chef da tutta Italia hanno cucinano dal vivo lungo il Corso di Taormina, per avvicinare tutti al mondo della cucina nostrana.

Nella prima giornata della manifestazione si è tenuta l’inaugurazione dell’evento nella piazza centrale, con gli interventi degli organizzatori, delle autorità, degli ospiti istituzionali, dei cuochi e dei giornalisti presenti, la festa dei territori e la cena di benvenuto.

Dopo la conferenza stampa con gli interventi delle istituzioni, produttori, giornalisti di settore agroalimentare e di prestigiose firme della cucina italiana, si è andati alla volta della visita ad “Acireale Città Barocca” con degustazione della famosa granita siciliana e rosticceria tipica. Poi nel pomeriggio si è svolto Masterclass “2018 Anno del Cibo Italiano” curati da prestigiose firme della cucina italiana, cantine del territorio e qualificati giornalisti di settore.
Infine il 
Taormina Cooking Fest, la grande festa della cucina Italiana per dare vita ad una passeggiata tra sapori, aromi e colori, con cooking show degli oltre cento chef protagonisti e numerose degustazioni di vini delle più importanti cantine siciliane.

L’ultima giornata è stata dedicata alla scoperta degli agrumeti siciliani con visita all’agrumeto Masseria Santa Lucia. La manifestazione si è conclusa con la “Festa Meditterranea” a cura degli chef.

Martina Suez

 

[widgetkit id=”751″]

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *