Due donne si aggiudicano la Tiramisù World Cup 2018

Eataly Roma è Tutto Nuovo!
06/11/2018
Gault&Millau, Alexander Mazzia è il miglior cuoco di Francia
08/11/2018

A Treviso, lo scorso 4 novembre, si è tenuta la finale di una delle competizioni nazionali più ambite. Premiate Diletta Scandiuzzi per la ricetta originale e Francesca Piovesana per quella creativa

 

Dopo tre giorni di selezioni nelle terre del prosecco, la finalissima della Tiramisù World Cup si è tenuta a piazza Borsa, presso la Camera di Commercio di Treviso e ha visto trionfare due concorrenti sui sei arrivati nella tappa finale della competizione. Stiamo parlando della cantante lirica Diletta Scandiuzzi e Francesca Piovesana, fisioterapista di Casier. Quest’ultima premiata per la ricetta creativa, dove ha aggiunto zenzero e cannella.

Le selezioni di gara quest’anno si sono svolte a Conegliano, Pieve di Soligo e Valdobbiadene. I più attenti avranno capito che stiamo parlando de “le colline del Prosecco”. Facendo uno più uno si arriva alla conclusione che il Tiramisù abbinato ad un altro prodotto tipico del territorio trevigiano è il mix perfetto, adatto a questa competizione. Francesco Redi (l’ideatore) ha centrato l’obiettivo anche quest’anno, introducendo poi, diverse novità rispetto all’edizione precedente.

Il doppio campione, tra ricetta originale e creativa (come vi abbiamo già spiegato). Quest’anno poi, la TWC è stata patrocinata dall’Associazione Italiana Celiachia, a cui sono state riservate delle postazioni di gara e prodotti gluten free a Pieve di Soligo. Inoltre, grazie alla fondazione Oltre il Labirinto Onlus, ha potuto partecipare alla gara anche Jacopo, un ragazzo affetto da autismo. Inoltre la charity di quest’anno è stata Team for Children Onlus, un’associazione che collabora con i medici del reparto Oncoematologia Pediatrica dell’Ospedale di Padova.

Tornando alla competizione possiamo dirvi che ci sono stati partecipanti da tutte le parti del mondo. I paesi esteri rappresentati quest’anno sono stati: Cina, Indonesia, Canada, Francia, Austria, Germania, Marocco e Albania. Oltre ad un grande numero di concorrenti provenienti da tutte le regioni italiane. Senza contare i giudici delle selezioni, accorsi in centinaia da ogni angolo del pianeta.

La giuria finale era composta da Roberto Linguanotto (padre nobile del Tiramisù), Andrea Ciccolella (il campione TWC 2017), Matteo Berti (direttore didattico di Alma), Angelo Gala della Ficgp, Dania Sartorato di Fipe, Federico Caner (assessore della Regione Veneto), Lavinia Colonna Preti (assessore del Comune di Treviso). A sorpresa si aggiunto anche Giuseppe Vicenzi, presidente del Gruppo Vicenzi.

Per concludere potremmo parlare un po’ di numeri. In questa edizione in totale sono stati serviti in gara circa 32 mila savoiardi, 183 kg di mascarpone, 4 mila uova, 50 kg di cacao, circa 700 kg di zucchero e oltre 23 kg di caffè.

Tra numeri da capogiro e la gioia delle vincitrici, quasi incredule e felici, si nascondono sei ingredienti in un unico nome. Che mondo sarebbe senza “Tiramisù”!

 

Dan Munteanu

 
 

[widgetkit id=”1044″] 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *