Ein Prosit: Nemo propheta in patria

The Best Chef Awards launches Area Talks
07/10/2019
The Best Chef Awards lancia Area Talks
07/10/2019

Nessuno è profeta nella (propria) patria è lo slogan della XXI edizione: in anteprima ci siamo fatti raccontare tutte le novità da Claudio Tognoni

Alla sua XXI Edizione, Ein Prosit si conferma la più ricca kermesse enogastronomica del Friuli Venezia Giulia e dichiara a piena voce il suo profilo internazionale. L’anteprima sarà a Tarvisio il 22 e 23 ottobre mentre il cuore della manifestazione si ritroverà il giorno dopo a Udine fino al 28 per un caleidoscopio di inedite performance enogastronomiche.

È un evento fenomenale da diversi punti di vista, soprattutto da quello della valorizzazione, e quello della crescita, vertiginosa, di numeri e di sostanza. “Nata a Malborghetto nel 1998 su iniziativa del Consorzio di Promozione Turistica del Tarvisiano, di Sella Nevea e del Passo Pramollo con lo scopo di promuovere il territorio attraverso l’enogastronomia locale – racconta il Direttore del Consorzio, Claudio Tognoni – negli anni ha acquisito grande consenso sia da parte del pubblico, proveniente principalmente da tutta Italia e dai paesi limitrofi come Slovenia, Austria e Germania, che degli espositori, locali e esteri.” 

È un raro esempio nel nostro paese di una costante e vincente attività di valorizzazione del patrimonio culturale di un luogo identitario, grazie anche alle sinergie con le autorità locali e alla forte collaborazione con territori affini. Il dialogo con la Slovenia, con cui si condivide una cospicua parte di tradizioni e di zone vitivinicole, ha, fin da subito, dato all’evento un’impronta di apertura cosmopolita che quest’anno ha raggiunto numeri impressionanti di partecipazione tra produttori (150), chef (50), relatori ecc. Il programma è ricchissimo di eventi ed è impossibile seguirli tutti: c’è veramente l’imbarazzo nella scelta. 

Questi numeri, a pari merito, sono anche sostanza: la lista degli chef che cucineranno nelle diverse location del territorio sembra di essere quella di Hall of Fame! Stellati (da 1* a 3*) come Norbert Niederkofler, Christophe Hardiquest, Matias Perdomo e altri; detentori del titolo “The World’s 50 best Restaurants 2019”, come Vladimir Mukhin (n°13); vincitori di vari premi e concorsi internazionali, come Manoella Buffara (premio “One to Watch” della 50th Best Restaurants Latin America). Una concentrazione gastronomica stellare e un’impareggiabile opportunità di assaggio per il visitatore. Luoghi, orari e costi sono indicati sul sito della manifestazione, affrettatevi a scegliere e prenotare.

Un’iniziativa imperdibile di questa edizione si chiama “Welcome Home!”, in cui ambito alcuni degli chef cucineranno nelle case private, ovviamente per gruppi ristretti di persone, con le quali interagiranno durante la preparazione e la consumazione della cena. 

Tantissime degustazioni guidate per neofiti entusiasti e appassionati di lunga data. Relatori illuminati, come Matteo Gallello, Gae Saccoccio, Armando Castagno, vi porteranno nel mondo incantato delle emozioni enoiche, spaziando da Collio a Napa Valley. 

I “Laboratori dei Sapori” sono workshop volti a sviluppare l’attitudine all’abbinamento di sapori di pietanze nostrane ai vini di ogni dove. Sempre da prenotare.

“Mostra assaggio”, invece, è un appuntamento consueto di Ein Prosit, nel corso del quale i produttori friulani, italiani ed esteri, presenti nella Chiesa di San Francesco e al Museo d’Arte Moderna “Casa Cavazzini” tra le 10.00 e le 18.00 faranno assaggiare i loro vini ai visitatori.

E poi ci sono eventi collaterali di grande appeal come, per esempio, a Udine, presso Filling Station Motel, dove due dei più conosciuti DJ a livello internazionale, Andy Smith e Daddy G., accompagneranno con la loro musica le sessioni di mixology

“Lo slogan di quest’edizione è Nemo propheta in patria. L’abbiamo scelto per invitare tutti i presenti, nessuno escluso, a prendere coscienza di ciò che offre il nostro territorio: un patrimonio di straordinaria ricchezza e diversità che dobbiamo imparare a conoscere e a valorizzare”, parole sante quelle di Claudio Tognoni, direttore del Consorzio Turismo del Tarvisiano e organizzatore di Ein Prosit. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *