Evoluzione, una giornata dedicata all’extra vergine di oliva

Le migliori Gelaterie d’Italia per la Guida Gambero Rosso 2020
22/01/2020
Come festeggiare a Roma il Capodanno asiatico nell’anno del Topo
24/01/2020

Alla III edizione dell’evento dedicato all’olio extra vergine di oliva si è parlato di biodiversità, innovazione tecnologica, ambiente, paesaggio e turismo con 34 aziende del settore

A Roma si è da pochi giorni conclusa la terza edizione di Evoluzione – percorsi per l’extra vergine di qualità. Ancora una volta Oleonauta, società attiva nella consulenza e formazione sull’extravergine di oliva, ha unito le forze insieme alla casa editrice La Pecora Nera Editore per realizzare uno dei progetti più lungimiranti a tema oleario.

Dell’olio extravergine se ne parla molto, ma non ancora a sufficienza. È per questo che il progetto Evoluzione spinge proprio nella direzione della valorizzazione e presentazione di quei produttori virtuosi del settore. Quest’anno sono state 34 le aziende che al Parco de Principi Grand Hotel e Spa di Roma hanno portato in degustazione i propri prodotti.
Il “core” della manifestazione è stato tutto rivolto al b2b ovvero far incontrare i produttori con le aziende del settore food. Questo focus è frutto di lavoro svolto in più direzioni. Esperti ispettori che in forma anonima hanno visitato ristoranti nelle città di Roma, Torino e Milano testando non solo le tipologie di oli offerte ma anche come venivano presentate. Questo lavoro certosino ha portato all’individuazione e alla premiazione delle eccellenze oltre che a informare e sensibilizzare successivamente quegli esercenti che davano poca importanza all’olio e.v.o.

Premiate le aziende del settore food più attente nei confronti dell’extra vergine e i produttori che, nonostante i quantitativi esigui per quest’anno, hanno creduto nelle risorse come biodiversità, innovazione tecnologica, ambiente, paesaggio e turismo, elementi distintivi per l’olio. Alla manifestazione è stata data poi particolare rilevanza alla conoscenza dell’olio, sono stati allestiti tavoli di degustazione gratuita, dove esperti hanno insegnato come riconoscere un buon prodotto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *