Hostaria Verona: il festival del vino e della vendemmia

Darjeeling: il primo tè di Babingtons
08/10/2019
Assaje: l’autunno di Lorenzo Di Gravio
09/10/2019

In un solo weekend la città veneta si trasforma in osteria. Non solo Italia: tra i 200 vini in degustazione anche tanta Francia

Sbecolerie, arte, cultura e divertimento e tanto vino, come nella migliore tradizione veronese. Dall’11 al 13 ottobre Verona diventa una grande osteria per un percorso enogastronomico tra cantine della zonae prodotti tipici. Dai Giardini dell’Arsenale al centro storico 3 km di degustazioni con più di 200 etichette per 53 aziende vitivinicole dal veronese, dall’Italia e, novità assoluta, da diverse maison dalla Francia.

Alessandro Medici, ideatore e organizzatore della manifestazione racconta: “La manifestazione è nata 5 anni fa con l’obiettivo di realizzare una grande osteria a cielo aperto per tutta la città, o hostaria come si diceva in dialetto arcaico. Una manifestazione che anno dopo anno è sempre sentita, un modo per vivere la propria città in modo diverso e per i visitatori per conoscere quella Verona medioevale ricca di storia enogastronomia, un ritorno alle origini”.

Per questa edizione sono più di 30mila le presenze attese, provenienti dall’Italia, dall’Europa e dagli Stati Uniti per un totale di 77 stand. E al piacere del gusto e del buon bere si uniscono incontri con artisti, registi e scrittori nazionali, brindisi di coppia sulla “Terrazza di Giulietta” proposti dal Consorzio Lessini Durello, musica dal vivo con concerti e dj set, visite guidate e laboratori, con l’obiettivo di scoprire una Verona non canonica e non cristalizzata come “città dell’amore”. Quest’anno in particolare possono essere degustati i vini francesi delle zone di Bordeaux, Bourgogne, Alsazia. Degustazioni gratuite del pregiato Olio EVO del Garda sul suggestivo ponte di Castelvecchio; il pesce di Caorle, eccellenza tipicamente veneta viene proposta in formato da passeggio insieme ai classici polenta e moscardini; infine 18 stand di “sbecolerie”, le classiche taverne dove spizzicare e fare aperitivo, verranno incentrate a promuovere il formaggio principe del territorio, il Monte Veronese, proposto in tutte le stagionature.

Per partecipare all’evento e alle degustazioni possono essere acquistati in loco dei gettoni di diverso valore da 1 a 3 gettoni per i top come l’Amarone DOCG, il Recioto DOCG e quelli valutati come migliori dai sommelier autori de “La Guida dei Vini di Verona 2019 – Top 100” che affiancano Hostaria.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *