I migliori vini d’Italia

Perpetual, la brigata che non vuole assoli
27/02/2018
L’ultimo appuntamento di Febbraio si è concluso tra salse, fondi di cottura e un po’ di “neve romana”
28/02/2018

Luca Maroni Deus Ex machina del vino

 

Concluso il Festival di Sanremo per gli amanti della musica, ecco che arriva un’altra manifestazione importante per gli amanti del vino e non.

I migliori vini d’Italia di Luca Maroni che si è tenuta a Roma nel Salone delle Fontane dell’EUR.

Tantissime le novità del one man show Maroni: si parte da un’edizione tascabile da avere sempre con sé, per tenersi sempre aggiornati su cantine ed etichette selezionate dal guru dei vini.

Tre giorni immersi in un contesto totalmente nuovo per gli addetti ai lavori, l’idea di creare insieme all’università Sapienza un “Vigneto D’Italia” presso l’orto botanico piantando ben 154 vitigni autoctoni italiani, un museo ampelografico storico, regalando al nostro paese una memoria vitivinicola.

Il genio di Luca Maroni arriva a lasciare senza fiato gli avventori di questo grande evento, con delle degustazioni polimateriche unendo le fragranze del vino, essenze di mastri profumieri e profumi di diversi tipi di legno e di cibi.

I migliori vini d’Italia non è una comune manifestazione sul vino, ma una vera e propria immersione nell’arte della degustazione e della conoscenza di questo mondo fantastico.

Tantissimi i vini selezionati e degustati da Luca Maroni, ma a farla da padrone in questa edizione è l’Abruzzo, regione che sta piano piano emergendo proponendo vini di grande equilibrio e di grande persistenza.

L’azienda vinicola Jasci&Marchesani capitanata da Nicola Jasci e Federica Di Blasio con il loro Janù (Montepulciano d’Abruzzo) si sono aggiudicati il premio di miglior vino in assoluto d’Italia.

Il secondo posto del podio trova spazio sempre in Abruzzo ed è un altro Montepulciano, il Vigna Vetum della cantina Terzini guidata da due fratelli Roberto e Domenico sotto la supervisione dell’enologo abruzzese Vittorio Festa.

Anche quest’anno lo spettacolo è stato assicurato, e chissà che prima o poi il nostro Luca Maroni non pensi davvero a presentare il festival di Sanremo abbinando un vino per ogni canzone in gara.

 

Andrea Mariani

 

[widgetkit id=”621″]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *