Identità Golose 2019: dove vengono fatte sempre nuove scoperte

I Garagisti: una terra in quattro vini
03/12/2018
Your Plan, Your Plane: l’app di Google per aiutarci contro gli sprechi alimentari
05/12/2018

A Milano è stata presentata la guida che ci permette di scoprire le tantissime varietà di sapori del Mondo, illustrando le miriade di ristoranti che vale la pena provare

 

Oggi è sempre più importante stare al passo con i tempi, ma è anche più difficile. Prima vedevamo il mondo come un territorio immenso ed ancora inesplorato, pieno di popoli e culture che non sapevamo se avremmo mai incontrato nelle nostre vite. Grazie alla globalizzazione e a Internet questa immensa distanza è stata sconfitta facendo diventare tutto più raggiungibile ma ad un prezzo. Se da un lato il Mondo è alla nostra portata, dall’altro le informazioni che riceviamo diventano infinite. Questo concetto vale anche in ambito gastronomico, dove una bussola guida il palato in questo mare culinario. È stata infatti presentata a Milano, all’Hotel Excelsior Gallia, la dodicesima edizione della Guida di Identità Golose 2019, che comprende tantissimi ristoranti non solo italiani ed europei.

Sono ben 1.024 i ristoranti che si possono trovare nella guida online aperta a tutti. Ben 722 sono italiani, mentre 302 provengono da 44 paesi diversi, tra i quali Georgia, Islanda ed Ecuador. Tra le insegne tricolore troviamo anche 84 pizzerie. Tutti questi locali sono stati non tanto “votati”, quanto “raccontati” dai tanti collaboratori di Identità Golose, che si sono dedicati a illustrare le particolarità e le bellezze dei luoghi che hanno visitato, dal cibo all’ambiente, dal servizio alla scelta delle materie prime. Più che una semplice guida quindi, una vera e propria raccolta di storie. Non sono però mancate anche tantissime premiazioni durante la presentazione. Il premio come Miglior Chef Uomo va a Gianluca Gorini (daGorini), mentre come Miglior Chef Donna abbiamo Karime Lopez (Gucci Osteria da Massimo Bottura). Da citare anche Ricard Camarena (ristorante Ricard Camarena) come Miglior Chef Straniero e Gennaro Battiloro (Battil’oro) come Miglior Pizzaiolo.

I numeri citati prima potrebbero però cambiare, andando ad aumentare sempre di più. Dopotutto si fanno sempre nuove scoperte e la passione che ci mettono i ragazzi della guida ci fa capire che troveremo tantissimi altri ristoranti e locali in futuro. Quindi non ci resta che aggiornare ogni giorno la pagina della guida e vedere con i nostri occhi le tante possibilità che ci offre, per poi decidere dove poter passare una piacevole serata con del cibo di qualità.

 

Alberto Baccaro

   

[widgetkit id=”1153″]

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *