La Città della Pizza delizia Roma

Riecco le classifiche: i 10 migliori servizi del mio road trip!
02/05/2018
La cucina della memoria di chef Cuttaia
04/05/2018

 

La manifestazione, alla quale moltissimi romani hanno scelto di partecipare, ha mostrato la grande preparazione dei maestri pizzaioli, che hanno proposto molte ricette innovative

 

La più nazionalpopolare, la più conosciuta ed imitata all’estero. Alta, bassa, croccante, alla pala o in teglia. È lei: la pizza. Da qualche mese patrimonio dell’umanità riconosciuto dall’UNESCO, questo prodotto sta vivendo un periodo d’oro. Da piatto semplice per eccellenza si è elevata a gourmet, ed i maestri pizzaioli stanno intraprendendo quel percorso che in un futuro li potrebbe avvicinare all’olimpo degli chef più famosi. A La Città della Pizza,manifestazione organizzata a Roma al Guido Reni District, molti dei migliori pizzaioli d’Italia hanno dimostrato che questa evoluzione li sta portando a sperimentare e perfezionare le tecniche tradizionalmente tramandate di padre in figlio. Un mestiere che gli italiani stavano lentamente e clamorosamente abbandonando, ma che sembra si stia riscoprendo soprattutto tra i giovani.

Alla manifestazione hanno partecipato tra gli altri Franco Pepe, Renato Bosco, Luca Pezzetta e Gabriele Bonci. Tutti grandi interpreti della pizza, che hanno incuriosito i presenti con workshop durante i quali hanno mostrato quanta maestria sia necessaria per le loro creazioni. Oltre ai “big” all’interno della struttura erano presenti i padiglioni delle migliori pizzerie che hanno deliziato i partecipanti che hanno scelto di cenare all’interno del distretto.

La grande affluenza che c’è stata ha confermato quanto la pizza sai di gran lunga uno degli alimenti più amati dagli italiani di qualsiasi età. Tuttavia, adesso che l’asticella della qualità si sta alzando e che la preparazione dei pizzaioli li sta rendendo sempre più “competitivi” sarà interessante vedere che direzione prenderà questo movimento, e se il settore riuscirà a cavalcare questo “rinascimento culinario”, sancito anche dall’UNESCO.

Stefano Bellachioma

 

 

 

[widgetkit id=”699″]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *