La Guida Michelin 2019 di Kyoto, Osaka e Tottori: una parata di Stelle…

Inkiostro, Terry Giacomello è genio allo stato puro
12/10/2018
Milano Wine Week: il debutto e il successo già dalla “tappa zero”
15/10/2018

Per il decimo anno consecutivo, la Rossa conferma la sua passione per questa parte dell’Asia. La vera novità, però, è la selezione dei migliori locali della capitale dell’isola di Honshu

 

L’edizione della Guida Michelin, dedicata alle città di Kyoto ed Osaka, celebra nel 2019 il suo decimo anniversario. Con lei, tre ristoranti della selezione che per la decima edizione consecutiva si vedono riconosciute le tre stelle, un traguardo importante tra i più significativi in termini di qualità.
Per l’occasione è stata presentata anche una nuova selezione di ristoranti dedicata interamente alla prefettura di Tottori.

Sono a Kyoto i ristoranti premiati per un intero decennio con le tre stelle Michelin: il Kikunoi Honten, il Kitcho Arashiyama Honten e l’Hyotei. Altri sette ristoranti, invece, sono riusciti a mantenere intatte le loro tre stelle dall’edizione dell’anno precedente.
Tra i ristoranti con due macaron non ci sono state novità secondo gli ispettori della Guida e per questo ritroviamo gli stessi presenti nella lista dell’anno precedente. In compenso, i nuovi ingressi ad una stella sono ben quindici.

Parlando di Osaka, sono stati confermati anche questa volta i quattro ristoranti tre stelle: Hajime, Kashiwaya, Koryu e Taian mentre sono dieci i nuovi ristoranti con una stella Michelin.
La Città del Grande Pendio (questa la traduzione giapponese del suo nome) è un polo crescente di altissima gastronomia aperta alle influenze internazionali in un incontro di culture diverse. Basti pensare che tra i ristoranti selezionati nella guida si possono contare ben sedici diverse categorie di cucina, dal sushi al bistrot francese.

Tottori, infine, è la grande novità di quest’edizione 2019, in quanto è la prima volta che questa città figura tra le pagine della Michelin.

Un totale di 76 ristoranti sono stati selezionati ed inclusi nella Rossa. Tra questi quattro hanno raggiunto il traguardo della prima stella, mentre due (a Tottori City) sono i neo bistellati: il ristorante di cucina tradizionale giapponese Mitsuki e il Kaniyoshi specializzato nei piatti a base di granchio. Interessante sapere che la prefettura di Tottori si trova sulla costa ovest dell’isola di Honshu, a contatto col Mare del Giappone dove è situata la colonia di granchi più grande dell’intera nazione. Nonostante i ristoranti che utilizzino questo crostaceo siano numerosi in queste aree i Kaniyoshi è il primo ad essere riconosciuto con due stelle Michelin.

Ancora una volta il Giappone si conferma una meta fondamentale per gli amanti dell’alta cucina e gli appassionati dei ristoranti Stellati.

 

Gianluca Grasselli

 

[widgetkit id=”1148″]

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *