Madrid fusion, 18 anni dopo il ritorno alla semplicità

Tableset Luxury Rentals: a tavola, ma con stile
10/01/2020
Guida Michelin Olanda 2020
13/01/2020

Dal 13 al 15 gennaio la capitale spagnola ombelico mondiale della gastronomia. Tema conduttore di questa edizione: l’essenzialità

Nata 18 anni fa, torna l’appuntamento con Madrid Fusion, kermesse culinaria che quest’anno avrà luogo nell’Auditorium del Padiglione 14 della Fiera di Madrid. Nella tre giorni che riesce a unire i migliori chef di sempre e i giovani talenti che si stanno affermando, tante le presenze attese e dall’analisi dello scorso anno, i numeri fanno bene sperare. Cresciuta sia fisicamente, accogliendo sempre più partecipanti del mondo food, che in termini di qualità, Madrid Fusion è diventato un appuntamento irrinunciabile nell’ambito dell’alta ristorazione affermandosi come un potente “influencer” nel campo della cucina d’avanguardia a livello internazionale.

Ad anticipare l’inizio dell’evento, la notizia di pochi giorni fa che ha proclamato Niko Romito miglior chef dell’anno che salirà sul palco nella giornata di martedì 14 con l’intervento “Semplicità eccitante, il paradigma della complessità” per riprendere il filo conduttore di questa diciottesima edizione: l’essenzialità in cucina.

Quest’anno a far parte della kermesse più di 100 cuochi provenienti da tutto il mondo che si esibiranno nella sala congressi da 1000 posti a sedere. Oltre ai cooking classes e interventi internazionali con gli autoctoni Albert Adrià (El Barri), Dabiz Muñoz (DiverXo), Josep Roca (El Celler de Can Roca, España), Elena Arzak (Arzak, España) , tra gli ospiti italiani anche la giovane coppia salentina Floriano Pellegrino-Isabella Potì impegnata in un intervento sul’approfondimento “Identità e purezza”. Tra dibattiti riguardo le tendenze nelle cucine moderne, le tecniche più innovative, le ricerche nel settore alimentare e le nuove forme di business per i professionisti del settore, l’agenda è fitta di appuntamenti e c’è tanta attesa per lo spazio “Cuoco rivelazione”. I finalisti in gara sono:

Xune Andrade (Monte. San Feliz, Asturias, España)
Sergi Palacín (The Alchemix. Barcelona, España)
Camila Ferraro (Sobretablas. Sevilla, España)
Víctor Cuevas (Amadía. Madrid, España)
Vicky Sevilla (Arrels. Sagunt, Valencia, España)
Alejandro Serrano (Alejandro. Miranda de Ebro, Burgos, España)
Juan Manuel Salgado (Drómo. Badajoz, España)
Samuel Naveira y Génesis Cardona (Mu-na. Ponferrada. León, España)

A Saborea Espana si potranno assaggiare le migliori specialità del paese ospitante, Madrid International Pastry sfoggerà l’arte della pasticceria e cioccolateria, Enofusion presenterà un’accurata selezione dei Top Wine of Spain, mentre The Drinks Show delizierà partecipanti con cocktails preparati da famosi bartender.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *