Maritozzo Day 2019, una promessa d’amore che si tinge di rosa

L’oro nero (sostenibile) di Calvisius
26/11/2019
Una cucina per due chef
27/11/2019

Sabato 7 dicembre più di 200 versioni del dolce più romano di tutti i tempi. La corsa al maritozzo è nazionale e solidale: oltre Roma, coinvolte anche altre città nella lotta del tumore al seno

Quando si parla del maritozzo non si può non citare anche una parte della storia di Roma. Si pensa che l’origine del dolce risalga ai tempi degli antichi romani. All’epoca era un po’ più grande di quello che noi oggi conosciamo e prevedeva ingredienti extra come il miele e l’uva passa. Era un pasto sostanzioso che le donne preparavano per i mariti in modo che avessero qualcosa da mangiare durante le ore lavorative. Inoltre, era molto apprezzato durante la Quaresima in epoca medievale, una composizione più piccola e con l’aggiunta di pinoli o scorza d’arancia. 

Una cosa curiosa è il mistero dietro al suo nome. Usanza vuole che fosse regalato dai giovani alle proprie fidanzate con dentro una sorpresa: un anello che simboleggiava il matrimonio. Da qui deriva il nome di “maritozzo”. Un’altra storia però vuole che a fare il dolce dovevano essere le ragazze che lo dovevano donare al più bel ragazzo del paese, che aveva il compito di giudicare il lavoro e sposare la giovane che aveva fatto il più buono.

Dopo tanti secoli di storia, oggi il maritozzo viene apprezzato da tutti e in più forme. Dolce o salato che sia, per il terzo anno del Maritozzo Day, festa organizzata da Tavole Romane, circa 70 artigiani e professionisti di tutta la penisola metteranno in bancone diverse varianti della piccola pagnottella romana.

Tra le novità del 2019 l’ampliamento del raggio d’azione: la festa toccherà anche Milano, Torino, Città di Castello, Siracusa e Trapani. La maratona al maritozzo è solidale e si tinge di rosa. I fondi raccolti durante la giornata saranno dati in beneficenza all’Ospedale Fatebenefratelli dell’Isola Tiberina per il sostegno delle attività della Breast Unit. Scopo della raccolta l’assistenza alle donne colpite dal tumore al seno, per l’acquisto del primo casco anti-caduta dei capelli da utilizzare durante la chemioterapia. Per l’occasione saranno realizzati maritozzi “rosa”, una versione alleggerita e dedicata ai più deboli di salute, con farine poco raffinate, a basso contenuti di zuccheri e senza lattosio.

Sabato 7 dicembre per mangiare il vostro maritozzo andate sul sito di maritozzoday.it, consultate la lista dei partecipanti e scaricate il coupon da mostrare al bancone dalle 10 del mattino fino a tarda sera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *