Modena si scioglie con Sciocolà

Pastificio Rinascita Corleonese: il non detto del territorio siciliano
30/10/2019
Riso, baccalà mantecato, scapece di rapa rossa, castagne e taralli pugliesi
30/10/2019

Al centro di piazza Matteotti un “Louvre del cioccolato” e l’insolito connubio con lo sport

Cambia il tema ma non la sostanza. Dal 31 ottobre al 3 novembre torna a Modena la seconda edizione di Sciocolà, il Festival del cioccolato. Nell’area eventi di Piazza Matteotti verrà allestito il “Louvre del cioccolato”, uno spazio espositivo nel quale saranno presentate al pubblico vere e proprie opere d’arte “sportive” realizzate dal mastro cioccolatiere Stefano Comelli. Nei quattro giorni della manifestazione si andrà a esplorare il rapporto fra lo sport e i cinque sensi.

  1. La vista e il calcio con la realizzazione in cioccolato del gagliardetto del Modena F.C. che verrà donato ai calciatori canarini presenti all’evento.
  2. Il tatto e la pallavolo con la premiazione di Ivan Zaytsev, celebre giocatore del Modena Volley e della Nazionale, il quale riceverà il riconoscimento “Sciocolà d’oro”.
  3. L’olfatto e il motociclismo con il profumo del ricordo di Marco Simoncelli.
  4. In questa occasione, la Fondazione creata dalla famiglia di Simoncelli verrà omaggiata con una riproduzione in cioccolato del casco del pilota romagnolo.
  5. Il gusto e gli scacchi: un golosissimo torneo in cui i vari giovanissimi aspiranti al titolo (tra i 6 e i 16 anni) potranno “mangiare” realmente le pedine degli sfidanti.
  6. L’udito e la Formula 1 con la realizzazione, da parte del maestro cioccolatiere Mirco Della Vecchia e del suo team, di una Ferrari F2004 in scala 1:1 interamente in cioccolato per omaggiare il campione Michael Schumacher nell’anniversario del suo cinquantesimo compleanno.

Non mancherà l’appuntamento con la tradizionale infiorata volta a omaggiare un grande protagonista del mondo dei motori, nel venticinquesimo anniversario dalla sua scomparsa: Ayrton Senna. Per conoscere meglio questa dolce kermesse, abbiamo intervistato Stefano Pellicciardi, rappresentante della SGP Events, società organizzatrice di Sciocolà.

Sciocolà, una kermesse capace di coniugare gusto e sport. Qual è il fil rouge della manifestazione?

“Risiede nella volontà di creare un grande evento radicato e incentrato sul territorio, legato alle sue eccellenze. Modena è il centro della Food Valley e della Motor Valley e il Festival vedrà, in questa sua edizione, l’accostamento tra il cioccolato e lo sport, una sinergia stimolante con una serie di eventi dal forte carattere attrattivo, celebrando espressioni sportive nazionali e locali, attraverso appuntamenti gastronomici dedicati a esperti, foodies e curiosi. Sculture di cioccolato realizzate da prestigiosi Maestri Cioccolatieri celebreranno lo sport nelle sue diverse forme, attraverso la riproduzione della Monoposto Ferrari F2004, il casco n.58 di Marco Simoncelli, il gagliardetto con i colori del Modena Football Club che è tornato in serie C1 e un pallone da pallavolo in cioccolato bianco che andrà al vincitore dello Sciocolà D’oro 2019, il famoso pallavolista Ivan Zaytsev, schiacciatore opposto della nazionale e del Modena Volley che veleggia in serie A. Non mancheranno incontri con autori e giornalisti del mondo dello sport e del cioccolato, degustazioni, sfide e show cooking”.

Perchè proprio Modena?

“I motivi sono vari. In primis la collocazione geografica, baricentrica e facilmente raggiungibile da città vicine non solo dell’Emilia-Romagna ma anche della Lombardia e del Veneto. In secondo luogo, ritenevamo questa città sensibile a una manifestazione di questo tipo, essendo questa la culla della Food Valley, del mangiar bene e del vivere bene. Inoltre, eravamo molto attratti dall’idea di organizzare un evento di questo tipo nello splendido centro storico cittadino. Il successo dell’edizione dello scorso anno conferma che eravamo nel posto giusto. Un trionfo in termini di pubblico con circa 120.000 visitatori che hanno affollato la kermesse e in termini di vendite, numerosi espositori che nell’ultima giornata hanno raggiunto il sold out. Importante anche il numero e la qualità di aziende e maestri cioccolatieri presenti alla manifestazione: attesi oltre 50 espositori e più di 100 stand”.

Tra le attrazioni una Ferrari interamente di cioccolato in scala 1:1. Com’è nata l’idea?

“Modena è la culla dei motori, di numerose aziende e nomi importanti. Ferrari, Maserati e Pagani danno orgoglio e vanto al nostro territorio che attrae migliaia di visitatori in città. Così come il prestigioso Museo Casa Enzo Ferrari, dedicato alla vita e al lavoro del fondatore della casa automobilistica. Ci è sembrato quindi normale, con queste premesse e considerando il tema della manifestazione, pensare a un’installazione giocata su queste basi. La Ferrari di cioccolato in scala 1:1, ideata e realizzata dal Maestro Cioccolatiere Mirco Della Vecchia con la preziosa collaborazione dell’artista aretino Alessandro Marrone. Per celebrare la Scuderia che quest’anno compie 90 anni dalla sua fondazione abbiamo riprodotto uno dei modelli più vincenti della sua storia e per festeggiare i 50 anni di Michael Schumacher, pilota che guidò questa macchina nel 2004 e con la quale conseguì il maggior numero di vittorie. Come si suol dire, abbiamo preso due piccioni con una fava”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *