Olanda, la Guida Michelin premia due nuovi bistellati

Bulk, il vero fantasma di Natale è quello di chef Giancarlo Morelli
22/12/2018
“Vale La Pena”: una birra per una seconda opportunità
27/12/2018

Salgono a quota 110 le stelle olandesi che in questa edizione 2019 contano 14 nuovi ingressi

 

È arrivata anche la nuova Guida Michelin 2019 dedicata all’Olanda e include un totale di ben 571 ristoranti e 263 hotels. Tra questi, le cucine stellate sono 110 e vedono due novità a due stelle, 12 al loro primo traguardo e nessuna novità tra i tristellati. Molte novità che sottolineano la “presenza di nuovi chef nelle Guide Michelin, spesso giovani, ma in grado di portare la cucina olandese verso nuove vette di creatività, innovazione e verso una sempre maggiore curiosità dei clienti nel volerla provare”, come ha dichiarato Gwendal Poullennec, direttore internazionale della Rossa.

I nuovi ristoranti ad aver ricevuto le due stelle Michelin sono il Sabero e il Pure C che si uniscono così agli altri 16 bistellati per un ottimo totale di 18. Nico Boreas ha aperto il suo Sabero a Roermond solo la primavera scorsa ed è riuscito ad imporsi in breve tempo come uno dei maggiori protagonisti della cucina olandese grazie al connubio di tecnica e finezza. Il Pure C dello chef Syrco Bakker ha, invece, conquistato gli ispettori della Guida grazie alla sua peculiare capacità di unire in maniera creativa i doni del mare e della ricca regione del Polder. Per quanto riguarda i ristoranti con una stella sono 89 nella nuova Guida Michelin. Tra i nuovi ingressi: il Derozario a Helmend, guidato dallo chef Jermain De Rozario e dalla sua passione per la cucina indonesiana; il Restaurant Monarh a Tilburg, dove Paul Kappe ha fatto della cucina moderna e dell’intensità dei sapori i suoi cavalli di battaglia; il Bouganville ad Amsterdam e il Voltaire a Leersum, invece, brillano per la bellezza delle loro location di lusso. Sul podio delle tre stelle ritroviamo confermati anche per il 2019 il De Librije a Zwolle, l’Inter Scaldes a Kruiningen e il De Leest a Vaassen. I ristoranti riconosciuti con il Big Gourmand sono, invece, 123, di cui 19 i nuovi ingressi. Qui i clienti potranno godersi una cena di tutto rispetto, con prodotti di stagione per meno di 37euro.

 

Gianluca Grasselli

 

[widgetkit id=”1203″]

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *