Presentata la Rossa Michelin dedicata alla città di Chicago, prossimamente quella di New York City

Shangai, svelata la lista dei nuovi ristoranti stellati della Guida Michelin 2019
01/10/2018
Joan Roca il top 300 per The Best Chef Awards 2018
03/10/2018

Chicago nel 2019 avrà meno ristoranti stellati, ma sempre una grande conferma: l’Alinea di Achatz

 

Chicago è una delle città gastronomiche più promettenti degli Stati Uniti ed il 28 settembre è stata presentata la nuova edizione della Guida Michelin 2019 interamente dedicata a lei.
Rispetto all’anno passato pochi i cambiamenti, il maggiore riguarda il numero di Stelle assegnate: scese da 25 a 22.

Il ristorante Alinea di Grant Achatz rimane l’unico a cui sono state riservate le tre Stelle Michelin, vista la chiusura del Grace di Curtis Duffy, secondo ristorante della città ad avere lo stesso riconoscimento. “È stato un anno magnifico per Chicago e la sua gastronomia” ha dichiarato l’ispettore Capo Michelin al Chicago Tribune, “i ristoranti della città sono ancora tutti ad un livello altissimo nella cucina internazionale e questo è sorprendente”. Tra le nostre vecchie conoscenze ritroviamo con grande piacere uno degli chef più giovani e promettenti degli States con il suo ristorante Oriole, Noah Sandoval conferma le sue due stelle Michelin.

Tra i tanti, c’è anche un ristorante di cucina italiana, il Seppia di Joe Flamm, già in cima alla classifica dei migliori ristoranti italiani secondo il Chicago Magazine.

I ristoranti usciti dalla lista, invece, sono il GreenRive, il Grace, il Sixteen mentre, con un pizzico di disappunto, precisa il Chicago Tribune, è sorprendente l’assenza di tre dei nuovi migliori ristoranti della città: Bellemore, S.K.Y e il Pacific Standard Time. Come l’esclusione dalla lista Bib Gourmand, la sorella minore della Rossa, del Publican, anche quest’ultimo escluso dagli stellati.

La Rossa dedicata alla città di Chicago segue quella di Washington DC, presentata il 6 settembre. Mentre le prossime uscite sono previste per le seguenti date: 6 novembre per New York City, 29 novembre per San Francisco. Senza dimenticare l’appuntamento italiano: quello del 16 novembre a Parma.

Gianluca Grasselli

 

[widgetkit id=”947″]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *