San Pellegrino Sapori Ticino

Masi, viticoltori da sette generazioni
13/06/2018
Bocuse d’Or Europa 2018: la sesta edizione porta i paesi scandinavi sul podio. L’Italia vince il premio Miglior Commis
14/06/2018

Dodici anni, ventuno eventi, ventisette stelle Michelin e diciannove location tra le più suggestive della Svizzera

 

Ritorna  a grande richiesta il San Pellegrino Sapori Ticino: uno degli eventi gastronomici più importanti d’Europa. Splendide location svizzere e luoghi d’incanto ospiteranno le cene della kermesse e diverse serate speciali dove i protagonisti saranno grandi piatti e grandi vini che non sarà semplice dimenticare.

Presenti anche nuove e promettenti generazioni di chef: ampio spazio ai giovani, una cena dedicata al pubblico femminile, tre serate lounge con open bar e finger food. Insomma, un programma tutto da assaporare.

 

Ma come e quando nasce Sapori Ticino? Basta fare un salto nel passato recente e precisamente all’anno di nascita di Sapori Ticino, per scoprire cosa e chi l’ha animata: torniamo così nel 2007. In quell’anno Dany Stauffacher, appassionato ticinese, si impegna a far collaborare grandi alberghi e ristoranti stellati che, accomunati da un obiettivo comune, decidono di mettere a disposizione la loro professionalità. Per dar vita ad un evento che sapesse valorizzare l’ospitalità e le bellezze del territorio a cui appartenevano.

 

Negli anni, molti fra i migliori chef ticinesi hanno ospitato i loro colleghi e con il passare del tempo la manifestazione ha coinvolto sempre più cuochi nel panorama mondiale toccando le più suggestive location della Svizzera.

 

Non ci rimane che ripartire: per vivere la magia di San Pellegrino Sapori Ticino c’è tempo fino al 17 giugno. 

 

Andrea Mariani

 

[widgetkit id=”760″]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *