“TrastevereAma” tra storicità di bottega e solidarietà cittadina

Street Food 2017: un mix di sapori internazionali
20/05/2017
La star è lo chef, ma non c’è “stella” che tenga senza un buon servizio di sala
22/05/2017

La Macelleria Amadio & Friends in piazza per Amatrice

Probabilmente una scusa quella di festeggiare i 60 anni di attività della storica macelleria Amadio nel cuore di Trastevere, ma una scusa a fin di bene. Più di mille persone presenti all’iniziativa per un ricavato pari a 4000 euro che è stato interamente devoluto al Comune di Amatrice. “Un aiuto per gli abitanti colpiti dal sisma”, puntualizza la Presidente del Municipio Sabrina Alfonsi, la quale ha presentato gli storici macellai del Rione Trastevere, i fratelli Amadio. Il loro segreto per fare ancora bene questo mestiere, dopo più di mezzo secolo, è racchiuso nella passione e nella fidelizzazione con il cliente. “Non siamo parenti con gli Amadio di Amatrice ma, prima che accadesse il terremoto, ci siamo conosciuti e abbiamo fatto un gemellaggio”, aggiunge il figlio Tiziano, che ricorda quella attività andata distrutta nel terremoto del 24 agosto 2016.

Insomma, una serata con una birra e un panino in mano nella cornice di Piazza San Cosimato, nel cuore della romanità: uno spazio di solidarietà che di giorno è sede del mercato, mentre la sera si trasforma in un luogo di incontro per giovani e abitanti di quartiere, dove sicuramente non mancano caos e file per entrare nei pub, praticamente 7 giorni su 7. E proprio in questo sabato 20 maggio è stata azionata la macchina della solidarietà grazie anche al contributo delle diverse realtà culinarie di zona: dai panini dello storico forno La Renella imbottiti con le polpette dei fratelli Amadio, alle bruschette del neo food truck Brusco-Lo Strabuono che ad agosto compirà un anno di apertura, passando alla pasticceria secca della boulangerie Le Levain oppure gustando una fresca birra della storica bottega Bernabei spillata per l’occasione dai ragazzi della Trattoria de Gli Amici promossa della Comunità di Sant’Egidio. Non potevano non mancare gli “stornellatori” che hanno animato la serata con le tipiche canzoni popolari romane, e Trastevere Attiva che si è occupata di far divertire anche i più piccini.

Prezzi irrisori e cibo di qualità per coinvolgere tutte le tasche in un’iniziativa benefica che ha voluto dare voce e continuità ad una situazione di attuale emergenza. La solidarietà trasteverina ha cercato di attrarre gli abitanti del quartiere, i turisti di passaggio e il popolo social attraverso un efficace passaparola, con l’aiuto dei bottegai e degli artigiani locali pronti a dare un concreto aiuto ai cittadini di Amatrice perché non bisogna dimenticare ma, soprattutto, non bisogna dimenticarli.

Andrea Martina Di Lena

[widgetkit id=”365″ name=”Gallery Bottom-A Gallery”]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *