Panettone Maximo raccontato in 4 premi

Cantine Collefasani: tra archeologia industriale e memoria storica
13/12/2019
Beengoody: l’App che segnala posti dove stare bene e perché
17/12/2019

Premiato il miglior panettone classico e al cioccolato, quello con il packaging più innovativo e chi ha la comunicazione digitale più efficace: dopo 34 assaggi ecco i vincitori divisi per categoria

Domenica 15 dicembre i migliori pasticceri della capitale si sono riuniti al Circo Massimo per il primo evento romano dedicato interamente al panettone artigianale. All’hotel Boscolo, Maximo è stata una vera sfilata di lievitati dolci, non solo secondo Disciplinare: una sfida all’ultimo assaggio per una selezione di 34 panettoni, metà classici e metà al cioccolato, che è stata giocata proprio su queste due ultime categorie. La giuria tecnica si è ritirata in gran segreto per circa 2 ore in una degustazione alla cieca di tutti i panettoni in concorso. Gli esperti del settore tra cui Giuseppe Amato, pastry chef del ristorante La Pergola, Fabrizio Fiorani, miglior pastry chef d’Asia 2019, Fabrizio Donatone, Campione del Mondo Pasticceria 2015, Angelo Di Masso, pasticcere, Attilio Servi, pasticcere lievitista, Luigi Cremona, critico enogastronomico, Rossano Boscolo, chef e patron di Boscolo Circo Massimo, Valeria Maffei, redattore de Il Pasticcere, Marco Lombardi, giornalista de Il Messaggero, Nerina Di Nunzio, fondatore Food Confidential non hanno avuto dubbi sul tradizionale e sulla sua variante al cioccolato: per loro Grué ha vinto in entrambe le categorie. Nell’ordine, D’Antoni, Cantiani, Le Levain e Bompiani sono stati gli altri classificati della categoria tradizionale mentre Cantiani, Nero Vaniglia, Pompi e Barberini hanno completato la rosa dei cinque per la versione al cioccolato.

Il riconoscimento per il miglior packaging è andato invece a Casa Manfredi mentre la miglior comunicazione digitale è stata quella di Le Levain. Oltre ai vincitori, le pasticcerie partecipanti sono state: Achilli Caffè, Antonini, Giuffrè, Marazza (Priverno), Panificio Nazareno, Panzini (Subiaco), Patrizi (Fiumicino) e Santi Sebastiano e Valentino, accompagnati da degustazione vini dolci e bollicine di Casale del Giglio e Poggio Le Volpi, liquori con Amaro Piccolo e Amaro Neri, il Chinottissimo e il buonissimo caffè Circi, tutte aziende laziali. 

Durante il Christmas Market le degustazioni e vendite di panettoni, sono state intervallate d talk di approfondimento e dolci cooking show con maestri pasticceri come Giuseppe Amato (La Pergola), Marco Nuzzo (Hassler Hotel), Marion Lichtle (Il Pagliaccio) e Antonella Mascolo (Verve al Dom).

Una giornata di grande generosità che ha dato l’opportunità di regalare un sorriso ai pazienti dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù grazie alla raccolta dei panettoni da consegnare alla casa famiglia Istituto delle Suore Francescane della Croce del Libano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *