World Nutella Day: mito dei consumi e fenomeno di massa dal 1964

Nella giornata della zuppa ogni star ha la sua preferita
04/02/2020
Addio ad Alfonso Pepe, maestro pasticcere e artigiano dei dolci
05/02/2020

Simbolo food-pop di massa, la famosa crema alla nocciola viene celebrata in tutto il mondo il 5 febbraio

La Nutella è forse il dolce commerciale più famoso e amato al mondo. Da ben 76 anni i cucchiaini di tutto il mondo vengono affondati con vigore e gola nel barattolo dalla forma iconica e inconfondibile. Proprio per essere diventato un simbolo food-pop mondiale, il 5 febbraio si celebra il suo giorno con il World Nutella Day, un omaggio alla crema alle nocciole più venduta in tutto il globo.

Analizziamo il suo fenomeno ripercorrendo le tappe più significative. Bisogna fare un passo indietro e tornare al 1944 quando, nel retrobottega del laboratorio di pasticceria di Alba, Pietro Ferrero ha creato la magia che porta il sorriso in milioni di famiglie. Appagante e sostanziosa, nel dopoguerra nasce la crema alle nocciole, chiamata in origine Giandujot preparata per sostituire la cioccolata, più costosa e riservata ai ceti benestanti. Nel 1949 la casa Ferrero, dopo anni di ricerca, è riuscita a rendere la crema più spalmabile della versione precedente: nasce la Supercrema Giandujot. In poco tempo c’è stato un vero e proprio boom di richieste, tanto che un giorno Giovanni Ferrero, fratello di Pietro, recatosi a Milano con il suo furgoncino carico di prodotti, si è ritrovato letteralmente circondato da persone che volevano acquistarla.

Fu a partire da quel momento che i fratelli Ferrero capirono che il prodotto doveva avere un rapporto più “diretto” con le persone. La svolta è avvenuta nel 1964, quando Michele Ferrero, figlio di Pietro, comprese il potere internazionale della crema. Proprio per battere la concorrenza estera è stato necessario trovare un nome incisivo e soprattutto comprensibile anche al di fuori del territorio italiano. Nacque allora il brand NUTELLA. Questo marchio iconico unisce la parola NUT, in inglese nocciola, alla desinenza ELLA, evocativa di attributi positivi.

“Che mondo sarebbe senza nutella?” è diventato poi il claim del brand, ormai immancabile in ogni campagna pubblicitaria. Per decenni pane e nutella è stata la merenda degli italiani e ancora oggi è alla base nella preparazione di tanti dolci. Un successo che è riuscito talmente tanto a incarnare la società, diventando un simbolo nazionale, che è stato celebrato anche in molte pellicole, come in “Bianca” di Nanni Moretti.

Oggi se dici Nutella dici Italia. Questo brand è diventato un fenomeno cult, riuscendo a trascinare le masse senza subire mai una battuta d’arresto. In questi anni ha lanciato sul mercato tanti prodotti: dal Nutella b-ready sino ai mitici, a detta di molti anche introvabili, Nutella biscuits, diventati bene di massa in pochissimo tempo. Negli ultimi mesi sono stati protagonisti indiscussi di post e stories sui canali social, tanto da essere l’oggetto del desiderio dei maggior influencer. Proprio per celebrare il World Nutella Day, Mc Donald’s ha deciso di lanciare negli store italiani Mc Crunhy Bread, alias pane e Nutella: nella giornata del 5 febbraio sarà possibile gustarlo gratuitamente dalle 15 alle 18 in soli 4 ristoranti tra Milano, Roma, Napoli e Bari.

Nonostante cambino le mode, i tempi e la stessa società, la Nutella è rimasta sempre la stessa, con il suo gusto magico e irresistibile: dire basta è davvero difficile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *