Academy di So Wine So Food: il sapere del gusto oltre la soglia, conoscere per apprezzare

Il Paradiso di Lucifero: 1q84, il ritorno di Giuseppe Stanzione ai fornelli
14/11/2018
Guida Michelin Italia 2019 – Il racconto live – Uliassi è il nuovo tre stelle!
16/11/2018

Ricominciano le nostre lezioni, la location è sempre la stessa: il ristorante 1978. Per il primo approfondimento di novembre parola alla sommelier Laura Paone

 

Nel cuore del quartiere Trieste, in una delle zone caratteristiche di Roma, c’è una porta rossa. Tra le serrande aperte delle attività più disparate lei è lì, attraente come un rubino lucente, che ti invita ad entrare. Stiamo parlando dell’ingresso del Ristorante 1978. Il primo martedì del mese di novembre è stato il giorno dedicato ai corsi sulla sommellerie e la sala. Una delle giornate del percorso che l’Academy offre. Ad accoglierci, sin da subito, una gentilissima Laura Paone, sommelier proprio del 1978. Subito dopo si presenta la Academy’s Head del locale, Gabriella Forte, che di nuovo ci accoglie con un sorriso. Prendiamo posto e ci guardiamo intorno. Ci rendiamo conto che anche il luogo vuole essere accogliente, con la sua personalità, con gli oggetti a vista, così come la cucina, che non danno l’impressione, nella loro compostezza, di essere solo strumenti da lavoro. Tutto all’interno di questo piccolo scrigno del gusto è dettaglio, minuzioso, attento, quasi allo stremo. Tutto questo è proprio quello che ci si aspetta da un posto così. Il corso, come naturale conseguenza, prende subito lo stesso ritmo. Ci si sente facenti parte di un qualcosa, da subito. Basta guardare gli occhi di Laura, che non spiega solamente tutte le meravigliose trasformazioni che ogni singolo acino può fare per noi per dare piacere al palato, ma trasferisce la sua scelta, la passione per il suo lavoro. Non c’è meccanicità nello spiegare e benché serva una traccia, una scaletta, per portare avanti un’aula come quella, l’imboccare ogni tanto, gli affluenti di questo enorme fiume di nozioni diventa naturale e stimola la curiosità ad approfondire sempre un po’ più in là. Successivamente, insieme a Fabio, altro pezzo importante dello scacchiere, abbiamo potuto vedere come si prepara e si cura una tavola. L’impeccabile mise en place, si trasforma nell’arco del pasto, per coccolare il cliente e non lasciare nulla al caso. In una giornata assolata di Novembre abbiamo varcato una soglia, e una volta usciti, abbiamo portato con noi un profumo, quello dell’Academy di So Wine So Food. E tu: vuoi provare?

 

Raffaele Marallo

 

[widgetkit id=”1086″]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *