Academy So Wine So Food, le minestre che scaldano… il cuore

Il Paradiso di Lucifero: ti va di indovinare chi viene a cena?
25/10/2018
Schloss Schauenstein, una location da favola per Andreas Caminada
26/10/2018

Al 1978 lo chef Eros Bruno ha tenuto la lezione sul piatto invernale per eccellenza

 

I menù cambiano in base alle stagioni. E con il freddo alle porte si cercano piatti che possano scaldare mente e corpo. Per questo l’Academy di So Wine So Food ha dedicato un’intera lezione alla tipica pietanza invernale: la minestra.

Al Ristorante 1978 di Roma Eros Bruno, docente del corso, si è focalizzato su questo tipo di preparazione. Non tutti sanno che tra zuppe, minestre e creme ci sono differenze sostanziali. Infatti, come ha spiegato preliminarmente lo chef, la prima non è fatta con la pasta ma pezzi di pane che servono, appunto, ad essere “inzuppati”. Le minestre al contrario contengono solitamente un carboidrato, mentre le creme sono preparate con carne o verdura tritate finemente e all’interno contengono sempre amidi.

Le preparazioni nelle quali gli allievi si sono cimentati sono state la Zuppa Valtellinese, fatta al forno con un brodo di carne, pane raffermo e fontina, la Minestra del Vescovo fatta con farina di riso, pollo, cavolo nero, sedano cipolla e patate. Infine i partecipanti, sempre sotto l’occhio vigile di chef Bruno, hanno cucinato una crema di asparagi.

Piatti  gustosi, di quelli che scaldano il cuore. Per i quali c’è bisogno di dedizione, tecnica e, naturalmente, amore.

 

Stefano Bellachioma

 

[widgetkit id=”1011″]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *