50 Top Italy in 4 categorie

Chi sono I Cento migliori Pop e Top di Roma
03/12/2019
Zero sprechi e multiculturalità: il 2020 di Bruno Barbieri
04/12/2019

Low cost, trattoria/osteria, fino a 120 euro, oltre 120 euro: i migliori ristoranti d’Italia divisi in quattro fasce per tipologia e prezzo

La prima edizione della guida online 50 Top Italy, dedicata alle eccellenze italiane del settore gastronomico, ha fatto incontrare giornalisti e ristoratori nel cuore della capitale. Sul palcoscenico del Teatro Eliseo Barbara Guerra, Albert Sapere e Luciano Pignataro, creatori del progetto che hanno accolto i primi 10 classificati delle quattro categorie di premiazione: low cost, trattoria/osteria, ristoranti fino a 120 euro e quelli oltre i 120 euro.

1° posizione:

Osteria Francescana – Modena (oltre 120€)
L’Argine a Vencò – Dolenga del Collio (fino a 120€)
Antica Osteria del Mirasole – San Giovanni in Persiceto (trattorie/osterie), Panificio Bonci – Roma (low cost)

2° posizione:

Uliassi – Senigallia (oltre 120€)>
Lido 84 – Gardone Riviera (fino a 120€)
Trippa – Milano (trattorie/osterie)
Anikò – Senigallia (low cost)

3° posizione:

St. Hubertus – San Cassiano (oltre 120€)
28 Posti – Milano (fino a 120€)
Roscioli Salumeria con Cucina – Roma (trattorie/osterie)
Generi Alimentari da Panino – Modena (low cost)

4° posizione:

Danì Maison – Ischia (oltre 120€)
Gucci Osteria da Massimo Bottura – Firenze (fino a 120€)
La Brinca – Ne (trattorie/osterie)
‘Ino – Firenze (low cost)

5° posizione:

Piazza Duomo – Alba (oltre 120€)
Pascucci al Porticciolo – Fiumicino (oltre 120€)
Ristorante Consorzio – Torino (trattorie/osterie)
Supplizio – Roma (low cost)

6° posizione:

Duomo – Ragusa (oltre 120€)
Antica Osteria Nonna Rosa – Vico Equense (fino a 120€)
Retrobottega – Roma (trattorie/osterie)
Masoni Macelleria & Bistrot – Viareggio (low cost)

7° posizione:

La Pergola – Roma (oltre 120€)
Materia – Cernobbio (fino a 120€)
EXIT gastronomia urbana – Milano ( trattorie/osterie)
Nud E Crud – Rimini (low cost)

8° posizione:

Taverna Estia – Brusciano (oltre 120€)
Oasis Sapori Antichi – Vallesaccarda (fino a 120€)
Al Convento – Cetara (trattorie/osterie)
La Tradizione – Vico Equense (low cost)

9° posizione:

Enrico Bartolini Mudec – Milano (oltre 120€)
DaGorini – San Piero in Bagno (fino a 120€)
Nù Trattoria Italiana dal 1960 – Acuto (trattorie/osterie)
Fud Bottega Sicula – Catania (low cost)

10° posizione:

Vun Andrea Apreda – Milano (oltre 120€)
La Tana Gourmet – Asiago (fino a 120€)
Braceria Bifulco – Ottaviano (trattorie/osterie)
Trapizzino – Roma (low cost)

In Guida anche i tre vincitori che hanno portato l’Italia all’estero. Al primo posto c’è il Ristorante Passerini a Parigi, gestito dallo chef Giovanni Passerini, al secondo Don Alfonso 1890 a Toronto, segue Heinz Beck Restaurant Tokyo.
Non sono mancate anche diverse premiazioni speciali. Tra queste, il Premio S.Pellegrino & Acqua Panna Valorizzazione del Territorio 2020 vinto dal siciliano Ciccio Sultano; il Premio Formare il Futuro ad ALMADon Alfonso 1890; il Premio Olitalia Modello d’Ispirazioneritirato dallo chef Umberto Bombana. Tra le menzioni speciali anche l’omaggio alla memoria di Lella Granito, moglie di Peppe Guida scomparsa nell’ultimo anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *