La mixology mondiale è donna

Food for Change: arriva il menu climate friendly
02/10/2019
Orticolario 2019: si parlerà di bacche, giardinaggio e viaggio
03/10/2019

Bannie Kang vince la finale della Diageo World Class Bartender of the year 2019. La bartender coreana è già pronta a fare il giro del mondo in 12 mesi prima di Sydney 2020

È una donna a vincere la finale della Diageo World Class Bartender of the year 2019. Lo scorso 27 settembre a Glasgow Bannie Kang è arrivata prima su oltre 50 finalisti provenienti da tutto il mondo. La barladay coreana attualmente firma la drink list dell’ANTI:DOTE, il cocktail bar del Fairmont Hotel di grande prestigio a Singapore. 

Da giovanissima scopre la passione per il mondo dei cocktail e dopo corsi di bartending arriva a Singapore, ormai sua seconda casa. I drink della Kang si ispirano molto alla disciplina nutrizionale con la quale è cresciuta; la sua famiglia le ha insegnato a seguire una dieta sana e i suoi cocktail, oltre a essere buoni, hanno effetti benefici sul corpo.

“È stata un’esperienza davvero unica. Un vortice di emozioni, divertimento e duro lavoro. Vorrei fare i complimenti a tutti i finalisti, sono stati preparati cocktail così straordinari che la vittoria sarebbe potuta capitare a ciascuno di noi. Ho imparato tanto, e mi sono fatta degli amici che rimarranno tali per tutta la vita. È stato un privilegio passare cinque giorni assieme a queste persone, lavorando con brand incredibili nella cornice della miglior competizione per bartender al mondo. Avere vinto è stato semplicemente la ciliegina sulla torta.” Ha commentato la barlady dopo la vittoria.

La Diageo  World Class Bartender of the year 2019 è una competizione globale di bartending, dove migliaia di esperti si sono sfidati proponendo la propria miscelazione. La finale dell’undicesima edizione si è svolta fra l’Olanda e la Scozia, dove sono arrivati i migliori 53 che hanno disputato diverse sfide nel corso di 4 giorni.

Nella prima fase olandese i concorrenti hanno creato dei cocktail con un impatto sull’ambiente decisamente positivo: a loro è stato richiesto di incarnare un vero e proprio senso di comunità e condivisione. Mentre, in Scozia, nella famosa distilleria Talisker, la sfida ha riguardato la creazione di un drink unico a base del whisky con ingredienti contenuti all’interno di una mistery box. A Glasgow, poi, i partecipanti hanno eseguito diverse prove: realizzare un cocktail a base di The Singleton, rinomato whisky single malt, creare tre mini-cocktail per esaltare il gin Tanqueray No Ten e, infine, misurarsi nella “highball in a can” a base di Johnnie Walker, storico blended di scotch whisky a livello mondiale. A conclusione, uno speed  round che in pochi minuti chiedeva di preparare un cocktail sul momento.

Bannie ha dimostrato di avere stoffa e, superando tutti gli step, è stata premiata da una giuria di ex vincitori, insieme a mixologist, scrittori e giornalisti del settore. Fra i premi di questa edizione, un viaggio di 12 mesi in tutto il mondo dove Bannie Kang sarà Global Ambassador dei brand Reserve Diageo, il portfolio di tutti i brand Diageo. Inoltre, la barlady parteciperà agli eventi nei bar più famosi del mondo giocando un ruolo chiave nelle collaborazioni fra Diageo e i Taste Festivals di IMG.

“L’edizione di quest’anno è stata tra le più competitive di sempre. Le abilità e il talento dei bartender in gara ci hanno davvero impressionato. La vittoria finale di Bannie Kang è stata meritatissima: la sua tecnica, la sua tenacia e la sua creatività sono state una costante durante questi quattro giorni – ha commentato Simon Earley, Head della Diageo – La Diageo World Class Bartender of the Year è innanzitutto una gara, che vede i migliori bartender del mondo prendere parte ad una grande competizione con i migliori spirit a disposizione. Ma World Class è anche imparare, lavorare assieme, permettere a questi incredibili talenti di ispirarsi a vicenda, concependo idee che miglioreranno il mondo del bartending a livello globale, con grande beneficio per tutti.”

La Diageo, da anni è leader nel mondo nel campo degli alcolici, ed ha un parterre di brand davvero eccezionali come Johnnie Walker, Crown Royal, J&B, whisky Buchanan’s e Windsor, vodka Smirnoff e Cîroc, Captain Morgan, Baileys, Don Julio, Tanqueray e Guinness. I suoi prodotti sono venduti in più di 180 Paesi ed è quotata alla Borsa di Londra (DGE) e alla Borsa di New York (DEO).  La sua mission è sempre stata quella di far evolvere e migliorare sempre di più la cultura della mixology. Un successo conclamato dai numeri: Dalla sua prima edizione, nel 2009, più di 300.000 bartender hanno preso ispirazione da questa nuova visione della mixology frequentando World Class.

Dopo la premiazione di Bannie Kang, si pensa già alla prossima edizione. Sarà Sydney a ospitare nel 2020 la nuova finale della Diageo World Class Bartender of the Year. “Siamo elettrizzati dalla possibilità di ospitare a Sidney la più grande competizione del mondo dedicata al bartending. Un’offerta variegata nel campo del Food&Beverage è alla base della cultura di ogni grande città e non vediamo l’ora di mostrarla al mondo il prossimo settembre. Agli aspiranti vincitori dico di preparare i passaporti ed iniziare ad allenarsi fin da subito: i bartender australiani sono pronti a dimostrare come mai abbiamo avuto ben due vincitori negli undici anni della competizione, offrendo al pubblico inventiva, eleganza e talento. Sarà una magnifica celebrazione dell’ospitalità australiana e della nostra cultura votata all’innovazione, che si riflette anche nei nostri cocktail”, ha detto Andrew Oughton, Diageo Australia Marketing & Innovation Director.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *