50 Top Pizza: Seu pigliatutto

Discover Gorgona, the Tuscan prison island
24/07/2019
Vino in Castello sul Lago di Garda
25/07/2019

Nella classifica miglior pizzeria laziale, miglior pizza vegana e titolo di pizzaiolo dell’anno: il romano “illuminato” si piazza ottavo

Al Teatro Mercadante di Napoli, a entrare a gamba tesa sulla scena di chi si contendeva il primo posto in 50 Top Pizza, è stato senza dubbio Pierdaniele Seu che quest’anno ha davvero fatto incetta di premi.

Da ventinovesimo che era nel 2018, posto conquistato dopo soli tre mesi dall’inaugurazione del locale romano, quest’anno Seu è salito di ben venti posizioni. Classificandosi nella rosa dei primi dieci, davanti a lui aveva solo gli stimati veterani del mondo dei lievitati. “Io e Valeria non ci aspettavamo di arrivare ottavi – ammette il trentenne illuminato – ipotizzavamo più un dodicesimo o tredicesimo posto”. La sorpresa, in realtà, è stata tripla: oltre a essere riconosciuto come miglior pizzeria nel Lazio, ha ritirato a gran sorpresa il premio di miglior pizza vegana: “In ogni menu inseriamo delle pizze veg. Il lavoro con le verdure è venuto in mente a mia moglie”. A essere eletta è stata la sua Assoluto di crocifere: un tripudio di broccoli e cavoli assaggiato dai giudici nel periodo invernale. A questa versione healthy sono poi seguite: l’Assoluto di Tuberi per la primavera con crema di rapa rossa, patata dolce al forno, crema di pastinaca, julienne di carote viola, gialle e arancioni, arachidi salate e Caponata con crema di zucchine, melanzane, peperoni, zucchine cotte al forno, gel di peperoni e aceto, basilico per l’estate. L’altra gratificazione lo ha coinvolto da protagonista nelle vesti di miglior pizzaiolo dell’anno

“Ho apprezzato molto questa classifica, veritiera e onesta”, commenta Seu che mal avrebbe digerito un ex aequo al posto di Pepe e Martucci. “Si gareggia per vincere”. Tra i giovani che hanno brillato nella classifica delle pizzerie di Luciano Pignataro, Albert Sapere e Barbara Guerra, anche Lorenzo Sirabella, chef dello storico locale Dry Milano, che ha ricevuto il riconoscimento speciale di “Giovane Pizzaiolo dell’Anno 2019”.

Foto di Andrea Di Lorenzo



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *