Alceste al Buon Gusto: tradizione e familiarità da 4 generazioni

Lo chef Andy Luotto confessa: “Anche i vegani fanno la scarpetta”
05/02/2017
I “Signori del vino” raccontano la passione dei produttori italiani
10/02/2017

Viaggio nella casa di un ristorante storico di Anzio

Di ristoranti legati alla tradizione ce ne sono molti, ma di ristoranti che grazie ai segreti tramandati di generazione in generazione sono ancora sul pezzo, ce ne sono davvero pochi. Uno di questi è Alceste al Buon Gusto, ad Anzio, località del litorale laziale a pochi chilometri da Roma. Il locale, a picco sul mare, è ormai diventato un luogo di culto per la ristorazione del posto, in quanto il pesce, fresco e soprattutto a km 0 è sempre di casa. “Quando il mare ce l’hai davanti non puoi che servire ciò che ti offre”, queste sono le prime parole di Giuseppe che, con ambizione e sacrificio, porta avanti l’attività di famiglia ormai alla sua quarta generazione. Dal 1950 infatti, la famiglia Regolanti gestisce la “perla” della cittadina famosa in tutto il mondo per lo sbarco degli alleati che ha messo fino alla seconda guerra mondiale. Non solo pesce km 0, una filosofia che anche per i migliori ristoranti è quasi non più sostenibile, ma anche molte verdure tradizionali della cucina romana vengono prodotte nell’orto di casa. Alceste in fondo è cucina che rispecchia i valori sani del territorio, il cui vero ingrediente speciale è la semplicità . Giuseppe ci confessa che il ristorante ha imboccato questa via da quando suo nonno lo ha messo in piedi, diventando sempre più riconoscibile nel tempo, e proprio adesso che arrivano i risultati è il momento di spingere sull’acceleratore e rimboccarsi le maniche, per tramandare alle prossime generazioni, quello che è stato tramandato a lui. L’obiettivo per la famiglia di Alceste al buon gusto è affermarsi ancora di più nel tempo, mantenendo però le proprie caratteristiche e il proprio stile intatti nel tempo; perché alla fine di ristoranti di qualità ce ne sono molti ma posti dove sentirsi davvero a casa, pochi.

“Quando il mare ce l’hai davanti non puoi che servire ciò che ti offre”

– Giuseppe Papa-

Jacopo Nicoletti

[widgetkit id=”269″ name=”Gallery Bottom-A Gallery”]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *