Biborani Dog’s Hotel: cucinare per i cani e non da cani

Il “momento del bisogno”: la classifica dei migliori bagni incontrati durante il nostro road trip
23/03/2018
The Grey Plume: the most “Green” restaurant in the world
27/03/2018

Almo Bibolotti, secondo classificato nella terza edizione di Masterchef, ci parla della sua struttura: una perfetta unione tra la passione per gli animali e quella per la cucina

 

Almo Bibolotti, secondo classificato nella terza edizione di Masterchef Italia, ci ha aperto le porte del suo albergo a cinque stelle per cani in Puglia. Un luogo dove gli “ospiti” si rilassano tra passeggiate e ricette gourmet

Come mai hai scelto di aprire un albergo per cani?

“Parte tutto da due grandissime passioni: l’amore per gli animali e quello per la cucina. Il sogno del cassetto, mio e di mia moglie, era quello di andare a vivere in un luogo che ci consentisse di tenere quanti più animali possibile. L’idea dell’albergo è nato, però, dalla voglia di creare qualcosa di nuovo”.

Di che cosa vi occupate nello specifico?

“Il nostro obiettivo è dare ad ogni cliente l’ambiente più idoneo per il proprio amico a quattro zampe. Abbiamo creato quindi delle stanze, con dei divanetti, magari rivestite con carta da parati, per ricreare la situazione abitativa di un salotto, fino ad arrivare al letto per i cani un pochino più viziatelli e coccolati”.

Qual è la giornata tipo di un vostro ospite?

I cani escono almeno 4-5 volte al giorno per una mezz’ora, accompagnati singolarmente dal nostro personale, in campi attrezzati in erba o in sabbia di fiume”.

Per quanto riguarda la cucina?

Negli anni ho scoperto che i cani, proprio come gli esseri umani, soffrono di intolleranze alimentari o allergie, perciò ho voluto scrivere il mio libro (Morso e Mangiato ndr), che trattasse ricette gourmet per cani, nel quale ho inserito oltre a diete tradizionali anche quelle vegetariane e vegane”.

Preferisce cucinare per gli animali o per gli esseri umani?

Dico sempre che sono un cuoco che non cucina da cani, ma che cucina anche per i cani (ride, ndr). Gli animali mi hanno dato tanto e sono la mia grande passione, per questo mi sembrava giusto riconoscere determinate mie competenze a favore dei cani, specialmente perché parte dell’incasso del mio libro è stato devoluto in beneficenza ad animali con storie poco fortunate che tutt’ora sono nella nostra struttura”.

Quali sono i progetti per il futuro?

L’amore per gli animali è un qualcosa che non passera mai e il dog’s hotel resta un punto fermo della mia vita e di mia moglie. Continueremo quindi su questa strada anche perché siamo impegnati nel sociale ad aiutare i cani meno fortunati. Per quanto riguarda il ‘cibo umano’, ci sono tanti eventi in giro per il mondo perché sono diventato promotore a livello gastronomico della regione Puglia”.


Jacopo Nicoletti

 

[widgetkit id=”661″]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *