Bodrato, cioccolato piemontese dall’aroma esotico

Guida Michelin 2018, a Parma l’eccellenza dell’enogastronomia italiana
16/11/2017
Guida Michelin 2018: contento per Norbert Niederkofler. La “declassazione” di Cracco era ampiamente prevedibile…
20/11/2017

Da sedici anni nelle mani della famiglia Bergaglio, l’azienda storica piementose continua a deliziare i palati dei più golosi

 

Un’azienda storica piemontese, che da più di settant’anni delizia il palato dei più golosi con i suoi prodotti di alta qualità. È la Bodrato Cioccolato, nata nel ’43 ma da sedici anni  guidata dalla famiglia Bergaglio, la quale nel corso del tempo ha aggiunto alle antiche ricette elementi nuovi e, per certi versi, “etnici”.

È Fabio Bergaglio a parlare del cioccolato che qua viene fatto ponendo grande attenzione  alle materie prime.

 

Il vostro è un prodotto di alta gamma, in cosa si differenzia rispetto al resto del mercato?

“Alla base della qualità c’è la meticolosità con la quale selezioniamo gli ingredienti. Li scegliamo da produzioni d’eccellenza e li utilizziamo per arricchire il nostro cioccolato cercando di creare qualcosa di unico. Uno su tutti la Nocciola Piemonte IGP, ma ce ne sono molti altri.”

 

Accanto ai prodotti tradizionali avete anche una vasta scelta di cioccolato “etnico”…

“Il cioccolato è un prodotto coloniale e quindi, viste le sue origini lontane, già può essere considerato etnico. In particolare la nostra linea Selezione Monorigine comprende tre tavolette che prendono il nome rispettivamente dai paesi nei quali vengono prodotti i pregiati cacao: Perù, Repubblica Dominicana e Ecuador. Gli aromi ed i sapori che si percepiscono sono molto diversi tra loro proprio per il clima diverso di ogni paese, che influisce sulla qualità del cacao. Sempre sulla stessa linea fra poco usciremo con delle tavolette legate a regioni del sud est asiatico e dell’Africa. Se parliamo di ingredienti etnici poi non possiamo non citare le praline con il tè Matcha, conosciuto per essere protagonista della cerimonia giapponese del tè, e le praline con crema di caffè Huehuetenango del sud America”.

 

Fra poco sarà Natale, avete in mente qualcosa?

“Per le feste noi prepariamo sempre delle confezioni speciali che possano rendere il cioccolato più natalizio. I dolci sono legati alle festività e per questo offriamo un packaging adatto all’occasione.”

 

Stefano Bellachioma

[widgetkit id=”508″]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *