Chef Maestoso: “Porterò il mio ristorante in giro per il mondo”

Quelli che… ci piace il biologico ma senza ipocrisie
20/06/2017
Le Pré Catelan, la bellezza nel piatto
20/06/2017

Casa Maestoso on tour: alla scoperta delle “Pop up dinners”, le cene a casa che hanno rivoluzionato l’America e non solo

 

Un’idea rivoluzionaria, forse la più innovativa degli ultimi anni. No, non si tratta di un piatto, tantomeno di un ingrediente o di un nuovo locale, bensì di una nuova concezione di ristorante. Tutto nasce dalla mente di un giovane chef, il suo nome è Marco Maestoso. Nato a Roma, da mamma Americana, decide fin da piccolo di voler cucinare nella vita. La sua è una passione smisurata, quella di chi ha un futuro da predestinato.

Poco più che ventenne emigra negli States, con pochi soldi e una valigia piena di sogni e speranze. Inizia a lavorare in New Jersey, dove però i costi sono tanti e i guadagni pochi; cambia diversi ristoranti, per aprirsi a tutti i modi di lavorare in cucina e costruirsi un background di livello. Questo, ci racconta,” è il periodo in cui ho imparato di più “. Il suo talento emerge subito, tanto che un investitore italoamericano gli affida la gestione di due ristoranti di italiani a New York. Il ruolo per cui è stato incaricato gli lascia del tempo libero in più ed è in quel momento che, assieme alla sua fidanzata ha l’idea. Perché non organizzare delle cene a casa, con quel bel giardino che si affaccia sull’ upper east side? Le “Pop up dinners“, dette all’americana. I due iniziano ad organizzare eventi, sponsorizzati da Eatfeastly, una piattaforma americana che si occupa di pubblicizzare online i tuoi eventi privati. Queste cene come si suol dire “spaccano”: in breve tempo da venti richieste si sale a più di duecento. Se prima venivano organizzate due cene a settimana, Marco è arrivato ad organizzare degustazioni tutti i giorni sia a pranzo che a cena. Tuttavia la mancanza di casa e dell’Italia si fa sentire, e lo chef torna; si apre un ristorante, e ovviamente lo chiama Casa Maestoso: con l’idea di riportare la sua casa di New York a Roma, organizzando delle pop up dinners nella capitale. Il progetto gli riesce in parte, ostacolato dalla burocrazia. Per questo adesso ci racconta la sua voglia di mettere le ruote a questa “casa”, e partire per un tour mondiale al fine di proporre la sua cucina in tutto il mondo. L’idea è quella di ricreare Casa Maestoso appoggiandosi a ristoranti che affittino la location; al fine di presentare un nuovo concetto di ristorazione, con una nuova visione dal punto di vista culinario: l’obiettivo “è modernizzare il concetto di cucina italo americana” ovvero proporre una cucina rispettando le materie prime del posto, ma utilizzando le basi della tradizione italiana supportate dalle nuove tecniche. Per intenderci creare una cucina italo americana 2.0. Il primo tour è già partito, e sarà esclusivamente dedicato agli Stati Uniti, con tappe a New York, Miami, Orlando, Denver, Chicago e molte altre ancora. Casa Maestoso mette le ruote per trovare la sua meta, ma forse, in fin dei conti , l’importante è il viaggio.

 

“Il mio obiettivo è creare una cucina italo americana 2.0”

– Marco Maestoso –

Jacopo Nicoletti

[widgetkit id=”381″]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *