Chef Schneider: emozioni e gusto ad alta quota

Pipero saluta e il Rex cambia cucina
02/01/2017
Tra le vie di Torino alla ricerca dei Maestri del Gusto
10/01/2017

So Wine So Food si avventura tra le prime nevi del Trentino per carpire i segreti dello chef

Se la cucina fosse un’erba sarebbe la profumata edera terrestre: così la immagina Heinrich Schneider, chef del ristorante Terra all’Auener Hof, che ha recentemente guadagnato la seconda stella Michelin.

“L’emozione è la metà della cucina”

– H. Schneider –

 

Siamo nella Val Sarentino, a 1600 mt di altezza. Il padrone di casa ci accoglie nel suo Relais: legno e colori tenui riscaldano la nostra penna infreddolita dalla neve. Con un immancabile accento tedesco lo chef ci racconta di una cucina fatta di erbe autoctone e funghi di bosco, raccolti da lui personalmente, che danno vita a piatti dai colori e dai sapori inaspettati. Al Terra qualità significa km 0: i prodotti utilizzati come farine, formaggi e carni, provengono dalle vallate circostanti, una scelta che aiuta e rispetta l’economia la tradizione locale. La natura del Trentino si traduce in piatti che fanno la differenza con altre gastronomie, lasciando a chi li assapora un ricordo indelebile. A tal proposito chef Schneider ci confida di apprezzare la cucina mediterranea, ma “ha il suo posto”, mentre nel Relais è “più reale” rispettare la tradizione dell’Alto Adige, proponendo dei piatti che trasmettano l’emozione del contatto con i produttori locali; lo stesso discorso vale per le 1000 etichette della cantina, gestita dalla sorella Gisele, che racchiude bottiglie introvabili sul mercato. Prodotti unici, rari ed eccellenti si fondono dietro al successo di una seconda stella Michelin. Alla base, oltre ai ritmi serrati di lavoro e l’intenzione di “migliorarsi e crescere sempre”, una famiglia unita e uno staff eccellente: “senza di loro non sarei qui” ci confida con umiltà Schneider.

Al termine dell’intervista, lo chef ci racconta che la prima stella fu una sorpresa, la seconda invece un obiettivo che stimola ancor di più le attese per il futuro: in fondo “dopo una seconda stella ce n’è anche una terza!”

Valentina Forte

[widgetkit id=”260″ name=”Gallery Bottom-A Gallery”]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *