Christian Milone lo chef stellato sbarca a Torino con Hafa Storie

De Librije, l’amore per la cucina rende liberi
07/07/2017
Casa Divina Provvidenza: gli autoctoni di Nettuno
11/07/2017

Il viaggio del giovane cuoco tra eccellenze e cucina marocchina

Nato e cresciuto in una trattoria in mezzo ai fornelli, Christian Milone è il giovane chef piemontese che nel 2016 ha conquistato una stella Michelin con il suo ristorante “Trattoria Zappatori”: “Mio padre faceva il cuoco e mia madre la cameriera e quel mondo dove giocavo e crescevo ha sempre fatto parte di me.”

 

Per Milone aver conquistato una stella rappresenta il raggiungimento di un traguardo. Un obiettivo fissato sull’agenda undici anni prima quando ha messo piede nella cucina dei suoi genitori:  “Mi sono sentito come uno studente fuori che raggiunge la laurea.” Un riconoscimento degli sforzi e dei sacrifici profusi in tanti giorni di lavoro: “È la stessa sensazione di quando, in bici, arrivi a una tappa alpina: la prima l’ho raggiunta, ora si lavora per la seconda”.

Da poco ha intrapreso una nuova avventura aprendo Hafa Storie in un luogo pieno di significato: il più grande e colorato mercato europeo all’aperto con sede a Torino. L’obiettivo è quello di voler riprodurre la sua cucina tradizionale al di fuori della Trattoria Zappatori. Questo progetto vuole unire due anime molto radicate: quella tradizionale di Torino e quella marocchina. Trovare nuovi stimoli e capire come queste due realtà possano convivere.

 

Le esperienze di vita, non solo in cucina, rappresentano spunti utili per dare la luce ai suoi piatti: “Provo a ricreare odori, sensazioni, sapori che mi hanno accompagnato o emozionato in qualche momento della mia vita.”

Le sue invenzioni più “spinte e personali” hanno, comunque, sempre un pizzico di tradizione. Lo chef ci confessa che senza le radici qualunque creazione sarebbe vuota:

“Sono fortemente influenzato da quella che è la mia storia. L’importante è ricordare che tutto quello che facciamo è al servizio del gusto: una cosa che troppo spesso si perde di vista.”

MARTINA SUEZ

[widgetkit id=”408″]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *