Come un ex allievo di Alma interpreta l’Oktoberfest a Roma

Gente di Lago e di Fiume 2019
04/10/2019
The Best Chef Awards launches Area Talks
07/10/2019

A Centocelle dal 1 all’11 ottobre la tipica festa popolare bavarese invade sei locali del quartiere, tra questi anche Woods Lounge Bar 

Nel quartiere romano di Centocelle dall’1 all’11 ottobre sembrerà di essere un po’ in Baviera. Tra i locali di zona che hanno aderito all’Oktoberfest romano c’è Woods, ristorante e lounge bar aperto da otto mesi in via dei Platani. Qui ospita la prima edizione romana dell’Oktoberfest: durante le serate a tema, ci saranno incontri di approfondimento sul corretto abbinamento birra-cibo e sulla specificità delle spine tedesche e nazionali, talk radio con aziende, ospiti e degustazioni. Ospiti di Woods per la serata del 2 ottobre i ragazzi di Radio 100, un gruppo di under 25 che prendono il nome direttamente dal quartiere.

Woods è un tentativo coraggioso di cucina gourmet a pochi passi dal McDonald di piazza dei Mirti: la cucina dello chef Luca Spisni, ventiquattrenne, cresciuto sui banchi di Alma, La Scuola Internazionale di Cucina Italiana, si basa sui prodotti stagionali, fra piatti classici romani rivisitati in chiave gourmet e ricette più ricercate e lontane dalla capitale, come i plin ripieni alla lepre con crema di zucca, salsa alle nocciole e scaglie di pecorino di fossa

piatto protagonista del menu autunnale, nel pieno rispetto della tradizione piemontese. Si prosegue con un prestito dalla cucina tedesca, un secondo di pancia di maiale bavarese cotta a bassa temperatura su crema di zucca, con pera laccata alla birra scura ripiena di ricotta e rosmarino

A chiudere, uno strudel scomposto, con frolla, crema pasticcera, mele e uvetta

Il menu è accompagnato per la serata dalla birra Entropia, una golden ale poco alcolica e dalle note erbacee del birrificio artigianale Hibu di Burago di Molgora, del Vimercatese.

Fino a venerdì 11 ottobre il menu Oktoberfest sarà disponibile da Woods interpretata da chef Luca Spisni. “È il mio più grande investimento – racconta Michele Valeri, il proprietario – la nostra è una brigata giovane e unita. Gli lascio totale libertà”.



1 Comment

  1. Cristiana ha detto:

    Woods un ristorante accogliente pulito con una cameriera sorridente
    Ho mangiato assaporato cose che non avevo mai provato. Eccezionale il modo in cui lo chef ti faccia scoprire i sapori valorizzando prodotti conosciuti e ti fa conoscerne altri prodotti che non sapevi nemmeno che esistessero.
    Veramente bravo lo chef Luca Spisni, sono certa che sentiremo ancora molto parlare di lui grazie alla sua buonissima, artistica cucina (alcuni piatti sembrano quadri).
    Inoltre molto disponibile a realizzare li per li piatti particolari buonissimi e di una eleganza mai vista, rispettando le allergie intolleranze del cliente (sono allergica al lattosio e pur con delle piccole varianti mi ha fatto seguire assaporare tutte le portate che arrivavano ai miei amici di tavolo).
    Grazie di cuore, fantastico chef Luca Spisni e fantastica serata! Prezzi contenuti. Ci tornerò presto con la famiglia.

    PS. Ci credo che il proprietario dia carta bianca allo chef Luca Spisni ; )))

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *