Da Hong Kong a Bali, passando per la Thailandia: la cucina italiana è in Asia

Martin Berasategui, an eight stars cuisine
04/09/2017
Hof Van Cleve and Mrs. Goossens’ smile
08/09/2017

Lo chef Mario Caramella spiega come preservare l’identità italiana all’estero

 

Si presenta a noi come cuoco, ma in realtà Mario Caramella è più di questo. Presidente del Gruppo Virtuale Cuochi Italiani ed Executive Chef con una carriera lungimirante alle spalle, soprattutto all’estero. Ha lavorato per 17 anni nelle maggiori catene alberghiere asiatiche e i suoi progetti sono tutt’altro che finiti.

Ma prima di tutto la cucina. “Per avere successo la cucina deve essere autentica e si devono educare gli altri affinché resti tale, infine avrai i tuoi seguaci”, un semplice discorso iniziale anche un po’ sarcastico se vogliamo, ma la sostanza resta. Avere una professionalità solida e ben definita all’estero, aiuta ad imporsi e a creare un proprio stile di cucina, senza alterala con l’ambiente circostante. Altro passo fondamentale è istruire lo staff e fare training continuamente. “Non si deve dare niente per scontato” ci dice, per il semplice fatto che si lavora con persone che non sono nate in Italia e non hanno la stessa dimestichezza con prodotti che per noi sono quotidiana routine, come la parmigiana per esempio. “Si deve dare l’esempio, si deve essere organizzati e si deve far assaggiare per poter istruire”, le basi sono scritte nero su bianco, semplici e chiare. Dopodiché si deve creare lo stile di cucina anche in base ai piatti che hanno più successo, ricordando che “All’estero difficilmente si riesce a fare la cucina di una sola regione”, infatti si presentano sempre piatti da tutta la penisola. E quale sarà il più richiesto? La pasta naturalmente, e non c’era da meravigliarsi. Da questo punto di vista ci spiega che il cliente medio è limitato nelle sue conoscenze, fermandosi nel tipico triumvirato: pasta, pizza, tiramisù.

Per questo motivo Mario ha deciso di aprire un nuovo ristorante a Pechino, proponendo tipicità italiane non ancora conosciute all’estero, come il Bollito Misto per esempio. Una novità assoluta per la gastronomia italiana all’estero, una cosa antichissima per noi italiani.

 

“Se sei consapevole di fare la cosa giusta, sei sicuro di andare avanti”

– Mario Caramella –

Dan Munteanu

[widgetkit id=”447″]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *