ElBarri di Albert Adrià: galassie gastronomiche in espansione

Sustainable festival: le eccellenze della Sardegna riproposte in chiave gourmet
05/09/2018
Il Paradiso di Lucifero, 1q84: la famiglia Sodano è pronta a mostrarsi al mondo
06/09/2018

Dna catalano e caliente, pragmatico e ambizioso, curioso ed enigmatico: ecco chi è lo chef spagnolo

 

Albert Adrià, categoria forty somenthing, una spiccata personalità annoverabile senz’altro tra le identità gourmet più feconde e prolifiche: i suoi ristoranti sono una sorta di portali gastronomici, che richiamano idee, domande, risposte e… gusto. ElBarri, frutto dei fratelli Adrià e dei fratelli Iglesias, è una dimensione culinaria parallela e stellata che avanza a gamba tesa contro l’ordinario: destinazione? Lo stupore e l’espansione della cucina spagnola nel globo.

 

Dalla panettiera alla cucina gourmet, fino all’apertura di ElBarri: qual è la sua filosofia di base?

“Fatti tante domande, alzati ogni giorno con l’intento preciso di migliorare e poi cerca i metodi giusti per farlo”.

 

Tra i suoi sogni c’era il desiderio che la cucina spagnola si espandesse pacificamente nel mondo: che significa e come si può raggiungere questo obiettivo?

“Finché una cucina non riesce a trionfare nel mondo non si può dire sia universale. Soprattutto se la mettiamo a confronto con il numero enorme di ristoranti cinesi, giapponesi, francesi, italiani e persino peruviani e libanesi.

La cucina spagnola ha ancora molta strada da fare però abbiamo bisogno che i nostri prodotti vengano pubblicizzati bene e che tutte le ricette siano rispettate senza alcun cambiamento. La cucina è cultura e quindi uno dei metodi migliori per far conoscere un paese”.

 

Un universo gastronomico e visionario che guarda avanti: cos’è ElBarri e che propositi vuole raggiungere?

“Esattamente questo: guardare avanti ed entrare nel circuito dei ristoranti più importanti del globo, fino a renderlo qualcosa di unico al mondo. Credo ci vogliano ancora tre o quattro anni”.

 

Dualismo e complicità con suo fratello Ferran Adrià: che tipo di rapporto avete e cosa vi riserverà il futuro?

“Abbiamo un ottimo rapporto. Siamo maturati insieme, specialmente io, e la nostra complicità è totale. Ferran mi aiuto molto in ElBarri e nella gestione del ElBulliFoundation”.

 

Valentina Forte

 

 

 [widgetkit id=”896″]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *