La qualità eccelsa dello chef Ernesto Iaccarino: “nessun piatto nasce dalle stesse premesse”

Un viaggio nell’élite della cucina abruzzese sulle colline del pescarese: il ristorante La Bandiera a Civitella Casanova
26/05/2016
Lo spiedo grande protagonista della cucina di Errico Recanati al Ristorante Andreina di Loreto
27/05/2016

Al Don Alfonso dal 1890 si respira la freschezza del Mediterraneo in costante equilibrio di profumi vecchi e nuovi

Siamo in Costiera Amalfitana. E’ qui, in questo mondo a parte, che si trova una delle eccellenze gourmet tutta italiana, mediterranea, per l’appunto. Don Alfonso 1890 domina da qui sul suo impero, ormai giunto fino in Oriente. So Wine So Food ha avuto il piacere e l’onore di intervistare chef Ernesto Iaccarino. Il giovane ed affascinate chef che porta avanti l’arte culinaria tramandatagli ormai da generazioni. Una cucina, fatta di orto, pesce, carne e tanto territorio. Anzi, è proprio questo che esercita sul nostro chef vera e propria attrazione e che lo fa sentire libero di viaggiare verso nuovi orizzonti.

“La cucina è un viaggio e tutto è lì pronto ad ispirarti”

– Ernesto Iaccarino –

La sua è una passione che diventa riflesso di ciò che costantemente si propone di fare. Ci racconta infatti che, oltre ad essere il famoso chef stellato è anche il Presidente dei giovani ristoratori d’Europa e da anni si batte affinché tutte la materie prime possano avere la loro tracciabilità, ragione questa che lo ha portato a creare un manifesto, come ci dice, “una carta di valori che abbiamo condiviso con 16 paesi dell’Associazione e con 350 membri tra stellati e non. Noi tracciamo quello che utilizziamo nella nostra cucina con una grande apertura”. Questo sicuramente è un gesto innovativo, ma come ci racconta, l’auspicio è che diventi per tutti cosa naturale. Nei sui piatti, chef Iaccarino ricerca chiaramente la grande qualità, ma ama soffermarsi sull’eleganza del piatto stesso. In questa bellissima passeggiata tra sapori, profumi e valori, chef Iaccarino ci riporta al punto di partenza, alla sua cucina, a quella di suo padre che ama continuare e rafforzare con l’aiuto della tecnologia. Ed è qui che cerca il suo equilibrio, in quella piccola, piccolissima nota di imperfezione (invisibile forse ad occhio umano!). E chissà, una innovazione oggi, sarà la tradizione di domani, a partire proprio da qui, da questo mondo a parte!

[widgetkit id=”172″ name=”Gallery Bottom-A Gallery”]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *