La magia di Istanbul e della sua cucina

Marco Sacco: la cottura sottovuoto che apprezza la contaminazione e il km 100
07/09/2018
Che Confusion! Sono a Porto Cervo: il ristorante di Italo Bassi mi ha lasciato piuttosto perplesso…
10/09/2018

Quando l’Oriente incontra l’Occidente: guida ai migliori locali della città turca dove gustare tutte le specialità locali

 

La cucina turca raccoglie l’eredità di quella ottomana ed è universalmente considerata come una fra le più importanti del mondo. Potendo offrire un vasto campionario di specialità tipiche e avendo peraltro largamente influenzato anche la cultura occidentale.

 

E’ forse proprio nella cucina che si vede maggiormente quella fusione perfetta fra il Mediterraneo e l’Asia che la Turchia rappresenta. Un mix unico per equilibrio ed originalità, laddove le spezie profumate si mescolano con l’olio d’oliva, i sapori forti di montone e agnello convivono con piatti a base di verdure fresche. Una cucina estremamente varia, colorata, ricca, precisa, con ricette quasi codificate.

 

I posti migliori in cui mangiare sono abbastanza lontani dai luoghi frequentati dai turisti: bisogna andarci appositamente. Cosa non semplicissima visto che Istanbul può vantare ben 16 milioni di abitanti.

 

Konyali Lokantasi è la prima “locanda” a fare da “garante”: il menu segue il concetto del tipico pasto turco, in cui si comincia con una zuppa (la più famosa è quella di lenticchie rosse), si prosegue con riso pilav, carne e ortaggi. Come contorno piatti freddi di verdure.

 

A sud di Sultanahmet, in zona Cankurtaran, è possibile, quasi magicamente, trovare anche un ottimo ristorante di pesce. Si tratta di Balikci Sabahattin, locale rinomato e frequentato dai turchi pur trovandosi in zona turistica. Meze eseguiti in maniera perfetta e pesce freschissimo. Prezzi abbastanza alti come consuetudine per quanto riguarda questa tutti i “figli del mare”.

 

Horhor caddesi viene considerata la via del kebap (in turco con la P finale, kebab in arabo) qui ogni anno viene organizzato anche un festival in suo onore. Molti i ristoranti consigliati, fra questi Urfali Haci Usta e Sanli Mangal: ognuno ha le sue specialità in base alla regione di origine, ciò che non cambia è il prezzo ultra conveniente in rapporto alla quantità di cibo ottimo.

Discorso a parte meritano gli alcolici e specialmente il vino, per via dell’altissima tassazione. In molti ristoranti ad Istanbul non si servono, Nar Lokantası invece ha una carta dei vini fornitissima ed esclusivamente composta da vini turchi.

 

Andrea Mariani

 

 [widgetkit id=”899″]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *