Le tre stelle del nord Europa, il Geranium di chef Rasmus Kofoed

Le 1947, un tuffo nel bianco assoluto
21/03/2018
“Parole in libertà”, il bistrot futurista che bandisce forchetta e coltello
23/03/2018

L’infanzia immerso nella natura, il Bocuse d’Or e le tre stelle del Geranium: il successo di Rasmus Kofoed

 

Dopo oltre 20 anni di carriera, Chef Rasmus Kofoed ed il suo ristorante Geranium a Copenaghen si sono aggiudicati la terza prestigiosa stella Michelin, unica in tutto il nord Europa.
“Speravo che un giorno sarebbe successo, ma non me l’aspettavo così presto. È stato come un miracolo per tutti noi qui al Geranium” racconta Chef Kofoed. Eppure, nulla dal firmamento giunge in Terra per caso, figuriamoci tre stelle Michelin.
La sua personale salita verso il successo risale al premio Bocuse d’Or,  vinto nel 2011, il campionato mondiale di cucina. “Vincere è stata una grande soddisfazione, ma il vero processo di crescita è nel mezzo. Sono migliorato come persona e come chef in questo viaggio verso la creatività. Senza non sarei arrivato dove sono ora”.
La cucina di Rasmus Kofoed ha radici profonde nella sua giovinezza passata immerso nella natura. Dai rispettosi principi biodinamici alla bellezza delle sue singolari manifestazioni, dalla creazione continua alla creatività. Queste sono i principali elementi d’ispirazione che caratterizzano i piatti dello chef danese.
Le tre stelle Michelin possono rappresentare un grande onere per chi se le aggiudica. Eppure, come spiega Rasmus Kofoed: “al Geranium il clima è più leggero, siamo più consapevoli delle nostre capacità e l’unica cosa che ci interessa è offrire il meglio ai nostri clienti”.
Per lo chef danese trestellato la cucina è una cosa seria, un valore, l’esperienza che insegna a dare e a ricevere attraverso un legame di rispetto tra il ristorante, i clienti e i prodotti utilizzati. Quello che c’è fuori da questo ambiente, quando ad illuminare il volto dello chef non sono i fornelli, ma le telecamere, allora siamo di fronte alla finzione, un “cheap entertainment” da cui tenersi lontani.

Gianluca Grasselli

 

[widgetkit id=”656″]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *