Luca Ludovici, il volto gourmet del The Pantheon Icon Hotel

Retropasta, la nuova idea di Miocchi e Lo Iudice
02/01/2019
“Pappa e Vino”: bere champagne in una “trattoria” di Acqui Terme
04/01/2019

A Roma l’imprenditoria alberghiera di lusso incontra l’alta ristorazione. Una “coppia” a tutti gli effetti con un solo chef per tre ristoranti: con Ydyllio si punta già alla stella

 

In una delle zone più belle del centro di Roma, tra Largo di Torre Argentina, Piazza Santa Chiara e il Pantheon è in atto una riqualificazione urbana e di valorizzazione enogastronomica. Il tutto a spese di privati, anche il dehors su strada. A dare forma, materiale e spirituale, al progetto tre imprenditori romani: i fratelli Pacini, Emidio e Fabrizio, e il loro socio Andrea Girolami. Nome solido nel mondo dell’hotellerie, i Pacini sono proprietari di undici hotel e per la prima volta hanno investito nel settore ristorativo in contrapposizione a un diffuso livellamento verso il basso in fatto di servizi e di qualità della vita. 

La loro ultima impresa è il The Pantheon Iconic Hotel, un cinque stelle lusso inaugurato in tempi record. Oltre alle 79 camere di esclusivo design, una tripletta gourmet. Il Divinity, il Rooftop Terrace al sesto piano, il cosmopolita Liòn, locale esterno alla struttura ricettiva ma in continua osmosi con essa e da gennaio Idyllio, l’anima gourmet del The Pantheon Iconic Hotel, ultimo solo in ordine cronologico. A curare le tre cucine, Luca Ludovici, giovane ambizioso e di poche parole. “L’ambizione con il talento è un dovere” cita Richelieu Emidio Pacini per definire la serietà dello chef Ludovici che tra le esperienze più importanti ricorda gli anni al fianco del “Signor Marchesi”. Da lui ha imparato il lusso della semplicità: tra i piatti nella carta di Idyllio il Tortello di astice, un solo ingrediente che cambierà colore a tavola. La conoscenza della materia prima, infatti, permette di manipolare gli ingredienti: “Ricordo ancora quando in mano avevo una capasanta e il Maestro mi ha insegnato una ricetta con solo un euro di food cost”. Per Luca Ludovici è nel momento delle decisioni che si crea il proprio destino. “Un po’ come quella volta in cui a Londra andai a Le Gavroche ma il ristorante era chiuso. Così, lasciai il mio curriculum nella cassetta della posta. Il giorno dopo mi richiamarono”.

Stati d’animo e stagionalità per la carta di Idyllio, in un percorso che omaggerà Roma dal 753 a.C., anno della sua fondazione, ai giorni nostri. Sensibile, pragmatico e curioso, Luca ha sposato il manifesto del The Pantheon Icon Hotel conquistando subito la fiducia della proprietà. “Mi sento al posto giusto nel momento giusto”. E non nasconde il sogno della Stella.

Andrea Martina Di Lena

 

[widgetkit id=”1216″]

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *