Mamé: la fitoterapia incontra la cucina

In un piatto di pasta Simone Rugiati ritrova sempre la sua quotidianità
31/10/2019
Il meglio di Modena Champagne Experience in 8 calici
04/11/2019

Marc Méssegué apre a Roma un format ristorativo fondato sulla sua filosofia del benessere

La fitoterapia è una pratica diffusa fin dal medioevo in cui vengono impiegate piante officinali per trattare malattie e per raggiungere il benessere psico-fisico. Il parigino Marc Mességué affascinato dagli effetti terapeutici delle erbe e dalla stessa fitoterapia, influenzato anche dal padre Maurice, profondo conoscitore dell’uso terapeutico delle piante officinali, ha deciso di trasferirsi in Italia e specializzarsi in erboristeria all’Università di Siena. Dopo aver aperto vari centri benessere, il più recente è il park Hotel ai Cappuccini a Gubbio, tutti fondati sul un connubio fitoterapia-alimentazione sana-medicina per ritrovare il benessere psico-fisico, ha aperto anche un suo ristorante. Spinto da due imprenditrici romane, Romana Ramacciani e Paola Guerraz, ha inaugurato questo autunno Mamé: la cucina del benessere, fusione sillabica delle sue iniziali.

Mamé – come affermano le due imprenditrici – non è solo un ristorante, ma un vero e proprio format che esporteremo in tutta Italia”. Con lo scopo di invogliare i clienti a seguire una corretta alimentazione, senza rinunciare ai piaceri e al gusto del buon cibo, sarà possibile migliorare anche la qualità della vita.

La filosofia di Marc Mességué, alla base di Mamé, evita tutte quelle cotture e quegli elementi tipicamente pesanti come fritti e grassi animali. C’è anche la possibilità di scegliere il menu Mességué dieta per un giorno e tutto il resto della settimana libero”: in questo modo le persone perdono peso senza sentirsi costretti o legati ad una dieta, soprattutto senza grandi rinunce. Il cliente viene, così, “introdotto – sostiene Mességué – a una dieta ipocalorica solo per un giorno a settimana che, nell’arco di un anno, grazie a un approccio disintossicante e a corretti accostamenti di cibi, permette di perdere circa il 10% di calorie totali rispetto a una nutrizione libera. Con l’aumento delle diete, negli ultimi venti anni, è stato notato un incremento di patologie in ambito alimentare, come l’anoressia. Infatti, ritengo che più ci sia attenzione ossessiva nel mangiare più aumenti il rischio di un effetto contrario”.

Nella cucina di Mamé la chef Sara Pieretti che, in linea con la filosofia di Mességué, ha scelto di porre prodotti stagionali, biologici, genuini e locali. Tutte le materie prime, infatti, provengono da aziende, principalmente del territorio laziale e umbro, che basano la propria produzione sul biologico e sulla sostenibilità. L’attenzione al benessere del cliente si vede anche nei piccoli dettagli del locale, come la cura nell’acustica, si riesce, infatti, a parlare senza essere sovrastati dal brusio di fondo. 

Il percorso terapeutico di Mességué, oltre alla spa e a un’alimentazione sana, è incentrato sulla fitoterapia: ai clienti vengono proposti infusi, decotti e capsule di erbe micronizzate. L’orgoglio di Mamé è la tisaneria, angolo dove poter assaggiare tisane, tè, estratti e succhi totalmente naturali. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *