Martin Berasategui, una cucina a otto stelle

Ok, il prezzo è giusto: Vol. 2! Altri scontrini e altri voti…
21/08/2017
L’estate sta finendo e io sono già in viaggio: dove mi trovo?
25/08/2017

Passione, tradizione e creazione: ecco i pilastri fondamentali dello chef spagnolo

 

 Otto stelle Michelin e la fama di essere uno dei più importanti chef al mondo. Martin Berasategui, cuoco spagnolo, lucida il suo firmamento culinario all’interno di tre differenti ristoranti: i due tristellati Berasategui (Paesi Baschi) e Lasarte (Barcellona) e il bistellato M. B. (Tenerife). A domanda precisa, risposta precisa. Come definire la sua cucina? “Complessa e contemporanea – spiega – con la capacità, spero, di saper segnare la strada per le generazioni di cuochi che verranno”. Ragazzi che sanno esattamente quale è la sua disciplina, la sua filosofia e il suo stile: “Scelgo sempre i più preparati – continua Berasategui – e cerco di implementare un sistema di lavoro ispirato a mia immagine e somiglianza”. Ma quali sono gli ingredienti fondamentali per realizzare piatti di qualità? “La creazione e la tradizione”-

Per lo chef la realizzazione di un’idea dipende dall’esigenza che ogni professionista ha di dar sfogo al tuo estro. Mentre la tradizione è il sostentamento, il pilastro di ogni casa che si voglia costruire bene. In cucina come nella vita nulla appare semplice, è tutto frutto di un processo lungo e dispendioso: la cucina d’avanguardia non è un gioco, dietro c’è tanto impegno e tanto lavoro. “Ma importantissimo è continuare a rimanere connessi col mondo – conclude Berasategui – perché tutto cambia ed evolve molto velocemente”

“Posso vantare otto stelle Michelin. Tocco il cielo gastronomico con le dita. E vestito da cuoco!”

– Martin Berasategui –

Martina Suez

[widgetkit id=”440″]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *