Relais Alberti: a Venezia lo charme è donna

L’Hotel de Ville: l’eredità di Violier, il rigore di Giovannini e un anatroccolo squisito
25/07/2017
Ok, il prezzo è giusto! Diamo i voti ai conti e agli scontri(ni)
28/07/2017

Micaela Salmasi e Michela Carfachia, direttrice della struttura, ci raccontano il loro mondo

 

Nel borgo incantato e nascosto di Malamocco (piccola località del comune di Venezia) lontano dal caos e dalla routine, si nasconde un palazzo del XIV secolo: la Maison emozionale de charme Alberti. Al Relais si incrociano storie di vita, culture e tradizione e soggiornarvi significa fare un vero e proprio viaggio, trovarsi in un luogo dove si possono riscoprire i piaceri della vita. Peculiarità del posto è la direzione tutta in rosa: le direttrici ci confidano che “le donne hanno un tocco in più, non sappiamo se si chiami  eleganza, gusto o che altro.”

Nel 2017 il lusso non significa solo confort a 5 stelle, bensì si traduce in una location dove “sentirsi a casa, per essere coccolati e viziati”. Vengono organizzati dei momenti di relax e di condivisione di prodotti di stagione che gli orti di Malamocco offrono; una particolare attenzione è riservata alla colazione, che si trasforma in un rituale di benessere al 100% biologici, accompagnati da the e tisane preparati in casa. Non è da meno l’happy hour, che offre una variegata scelta di vini e stuzzichini tipici veneziani, preparati dalle mani delle locandiere del borgo. Le cucine del Relais  sono un luogo di sperimentazione con tanto di cooking class proposte agli ospiti e agli abitanti del borgo e dirette da cuoche profonde conoscitrici della cucina veneta. Il food è nella mani dello chef Giorgio Trovato, le cui idee sono affini a quelle delle direttrici: “Lo abbiamo scelto perché la cucina è ricerca, rispetto delle tradizioni e della storia del territorio, ma allo stesso tempo è pura contaminazione”. Fin dal principio Trovato ha incarnato i desideri della direzione del Relais: un cucina ricercata ed elegante che va incontro alla storia e alla cultura. Che sfrutta la stagionalità e predilige la materia prima delle imprese locali. Il “reparto” wine, invece, è affidato al sommelier Ottavio Venditto, che nei suoi wine tasting accompagna gli ospiti in un viaggio di colori e sapori inaspettati.

“Al Relais Alberti si respira la nostra anima”

– Micaela Salmasi e Michele Carfachia –

Valentina Forte

[widgetkit id=”422″]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *