Ristorante Cielo: la cucina stellata dello chef Andrea Cannalire

Calici di Stelle 2018, un’estate italiana sotto il segno del vino
23/08/2018
Bologna, dove si può andare… “Oltre”
24/08/2018

Tradizione e sperimentazione sulla sommità dei colli ostunesi

 

Nell’Hotel Relais La Sommità, il Ristorante Cielo, sul punto più alto di Ostuni, è un perfetto equilibrio tra nuovo ed antico. In un’atmosfera irreale con una suggestiva vista sui vicoletti della città bianca. Lo chef stellato Andrea Cannalire, propone viaggi sensoriali tra tradizione e sperimentazione, attraverso piatti che giocano con forme e colori, utilizzando eccellenze locali e preziosità da tutto il mondo.


Come è nata la sua passione per la cucina?

“Fin da piccolo, quando mi portavano a mangiare al ristorante, sono sempre stato affascinato dai piatti che uscivano dalla cucina. Amo il cibo, amo mangiare quindi mi è sempre piaciuto il concetto del ristorante e della ristorazione”.

 

Qual è la sua filosofia culinaria?

“”La mia filosofia culinaria si basa sul concetto di offrire qualcosa di diverso ed inusuale, che esca dai soliti schemi o stereotipi.  Una cucina allo stesso tempo dinamica e non ingessata”.

 

Cosa significa per lei aver conquistato una stella Michelin?

“E’ un risultato che sicuramente appaga uno chef per i suoi sacrifici, ma allo stesso tempo può sviare l’attenzione da quello che deve rimanere sempre e comunque l’obiettivo primario: la soddisfazione degli ospiti. La Stella non è un punto di arrivo, ma uno stimolo a migliorare sempre nell’ottica di fornire uniche esperienze gastronomiche agli ospiti”.

 

Quanto la sua cucina risente del territorio pugliese?

“La mia cucina può giovare delle materie prime fantastiche offerte da questo territorio. Prediligiamo quindi materia prima pugliese associata alla conoscenza del prodotto e del territorio”.

 

Quanto è importante per lei l’innovazione?

“E’ alla base della mia cucina, si tratta appunto di una cucina dinamica, che si evolve utilizzando ingredienti e tecniche diverse”.

 

Cosa vuole comunicare attraverso il menu?

“Il menu viene variato ogni 60 giorni, il cambiamento e l’evoluzione sono il nostro più grande stimolo. Voglio comunicare una profonda propensione al cambiamento”.

 

Quali sono i suoi progetti futuri?

“Il principale è quello di una continua crescita professionale che porti al miglioramento della qualità del nostro servizio ed al raggiungimento di risultati sempre più ambiziosi”.  

 

Martina Suez

 

[widgetkit id=”873″]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *