Romeow Cat Bistrot: il tempio felino della cucina vegana

Jungle Juice Brewing: eravamo quattro amici… in birreria!
09/03/2018
“The World’s 50 best restaurants”, a Bilbao l’edizione 2018
13/03/2018

A Roma, a pochi passi dalla Piramide, sorge la risposta capitolina ai Neko Cafè giapponesi

 

Romeo, Maos, Nino, Frida, Lamù, Isì, sono i sei gatti che danno anima al Romeow. Valentina De Matteis e Maurizio Di Leta nel 2014 hanno dato vita a un locale pet friendly davvero singolare: i gatti scorrazzano liberi tra i tavoli, schiacciano sonnellini e rubano qualche carezza ai clienti che, assaggiano una cucina vegana e crudista nel rispetto degli animali e del gusto. Amore per gli animali e passione per la cucina: ecco cosa traspare dalle risposte di Valentina.

Come nasce il Romeow Cat Bistrot?

“La storia nasce dall’amore per gli animali. Io e Maurizio siamo soci da tanti anni, io sono vegana e lui rispetta molto i pelosetti. Romeow nasce per aprire una porta verso l’alimentazione naturale per chi non la conosce; abbiamo unito l’amore per gli animali alla curiosità dei clienti. I gatti sono perfetti per questo. Non siamo dei gattofili, siamo amanti di tutti gli animali”.

Un ambiente pet friendly assieme a una cucina vegana e crudista: che cosa ne pensa il cliente?

“Abbiamo una cucina vegana innovativa ma comunque semplice, fatta di materie prime incredibili e tecniche di fermentazione dei formaggi o di essiccazione della frutta.  È diversa dalla cucina che si è soliti mangiare. La cosa strana  è che l’ottanta per cento dei clienti è onnivoro e i complimenti più belli, arrivano da loro”.

Il binomio felini e cucina sembra essere una scelta vincente: ci sono degli aspetti negativi nell’essere un locale pet friendly?

“Bhe…no! Il gatto è un valore aggiunto, un qualcosa di diverso; ormai nel 2018 o fai qualcosa di diverso o sei uno dei tanti. Io ho scelto di farlo così come sono: tramite una cucina vegana…e poi è bellissimo lavorare con 6 gatti intorno!”

Cosa bolle in pentola per il futuro?

“Ci sono tanti progetti; in molti ci chiedono un franchising ma non è semplice: noi siamo una famiglia, come fai a mettere in mano ad altri dei gatti che reputi tuoi? Non siamo un brand con lo stampino, cerchiamo di trasmettere quello che siamo. Ma chissà, un altro Romeow gestito sempre da noi, in un altro posto di Roma o magari all’estero…nei sogni c’è”.

 

Valentina Forte

 

[widgetkit id=”640″]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *